fbpx

Domanda latente: cos’è e come analizzarla per migliorare le nostre azioni di marketing - Marketing Arena 1

Nel mondo del marketing e dell’advertising online ci sono due universi da indagare ogni volta che ci interroghiamo su una nuova azione da intraprendere, su una nuova campagna da lanciare: quello della domanda consapevole e quello della domanda latente.

Il concetto si fa sempre più importante quando ci approcciamo all’advertising online attraverso Google (in particolare per quanto riguarda la rete Display) o i social network.

Dopo anni di strategie orientate ad intercettare quella che è la domanda consapevole dell’utente, ovvero quella che si realizza nell’espressione di un bisogno diretto e quindi in una ricerca attiva su Google o nel nostro sito, ecco che, con l’arrivo dei social network, ci si è trovati davanti ad una platea di utenti che non naviga più su un sito web alla ricerca di informazioni, ma trascorre ore in una piattaforma dedicandosi a tutt’altro: giochi, foto delle vacanze, aggiornamenti degli amici, quotidianità.

È proprio qui che entra in gioco la domanda latente: una domanda inconsapevole, per cui le persone potrebbero avere bisogno di un determinato prodotto o servizio, ma ancora non lo sanno, non lo cercano e non hanno manifestato un interesse diretto per esso.

Sorgente: Domanda latente: cos’è e come analizzarla per migliorare le nostre azioni di marketing – Marketing Arena

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply