engagement, Week in Social: Instagram insegue Facebook per engagement e Twitter lancia le dirette con ospiti

In breve:

  • Il tempo giornaliero trascorso su Facebook sarebbe diminuito di 3 minuti tra gli utenti degli Stati Uniti nel 2018, lo dice eMarketer.
  • LinkedIn sta acquisendo la piattaforma di personalizzazione dei dati Drawbridge, per migliorare il targeting degli annunci.
  • Twitter ha annunciato la sua nuova opzione di live streaming, per aggiungere ospiti solo in audio alle dirette.
  • Pinterest, appena quotata in Borsa, ha lanciato un’app integrata per Windows 10.
  • Instagram ha deciso di aggiungere il supporto per i video landscape su IGTV, la piattaforma inizialmente pensata solo per i video verticali.

Il week-end non può cominciare se prima non facciamo il solito recap Ninjadelle notizie più importanti dal mondo dei social media.

E questa settimana ce ne sono di veramente succose, pronte da gustare come la migliore frutta di stagione.

La notizia sulle bocca di tutti questa settimana è naturalmente quella legata ai dati sul daily engagement: pare infatti che Facebook sia in declino, mentre cresce e supera Snapchat –  neanche a dirlo – il social più amato del momento, Instagram.

Ma anche da Twitter e LinkedIn arrivano novità da tenere d’occhio se stai puntando tutto sul Social Media Marketing.

Non sei l’unico, passiamo tutti meno tempo su Facebook

Se ti sei accorto di aver passato meno tempo su Facebook nell’ultimo anno, sappi che non sei il solo. Mentre la società ha cercato di superare la crisi dovuta agli scandali su dati e privacy dello scorso anno, dando risalto a recente impegno contro le fake news, sembra che gli utenti abbiano comunque scelto un’altra direzione, spendendo meno tempo sulla piattaforma.

Così, secondo quando riportato da eMarketer, l’engagement su Facebook ha iniziato il suo lento declino, o è comunque destinato a non crescere: il tempo giornaliero trascorso su Facebook sarebbe diminuito di 3 minuti tra gli utenti degli Stati Uniti nel 2018. Le persone hanno speso in media 38 minuti al giorno sulla piattaforma nel 2018, dice il rapporto, in calo rispetto ai 41 minuti al giorno nel 2017.

eMarketer si aspetta che l’utilizzo scenda ulteriormente a 37 minuti al giorno entro il 2020 e rimanga invariato nel 2021.

La principale analista di eMarketer, Debra Aho Williamson, attribuisce il calo alle modifiche nel news feed, che ha ridotto il clickbait e la visualizzazione di altri contenuti dei publisher, nonché a una generale mancanza di popolarità del social tra gli adolescenti.

Mentre pochi minuti potrebbero non sembrare un grosso problema per un utente, è una tendenza preoccupante per Facebook, che dipende ancora dalla sua app principale per una grossa fetta delle sue entrate pubblicitarie. E gli Stati Uniti sono stati a lungo uno dei mercati più redditizi. Tutto questo, cioè potrebbe tradursi in un calo della spesa da parte degli inserzionisti.

Per fortuna, però, nella faretra di Facebook c’è anche Instagram, che oggi rimane la stella più luminosa dell’azienda: qui l’uso è destinato a salire fino al 2021, secondo eMarketer. Nonostante la crescita e il sorpasso su Snapchat, ci vorrà tempo prima che l’engagement di Instagram raggiunga il livello di Facebook.

Continua su: Week in Social: Instagram insegue Facebook per engagement e Twitter lancia le dirette con ospiti

engagement, Week in Social: Instagram insegue Facebook per engagement e Twitter lancia le dirette con ospiti

Absolutezero

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.