podcast, Continua il boom del podcast, previste entrate per 1 miliardo di dollari entro il 2021

L’industria dei podcast sta crescendo rapidamente, complici anche i tanti servizi tra app e assistenti vocali che oggi consentono la fruizione di questi contenuti. L’industria ha generato un fatturato stimato di 479,1 milioni di dollari nel 2018 e si prevede che produrrà più di 1 miliardo di dollari entro il 2021, secondo un report dell’Interactive Advertising Bureau (IAB) e di PwC.

L’ultimo dato raccolto mostra un aumento del 53% in appena un anno. E anche i podcast ads continuano a crescere, come avevano previsto giganti del settore come Spotify, che si prepara a nuove acquisizioni proprio in quest’ottica.

Fonte: IAB

Il mercato dei podcast

Molte startup oggi stanno cercando di entrare nel settore dei podcast, coprendo non solo l’aspetto pubblicitario, ma anche il lato tecnico e creativo, e molti sono i round chiusi di recente in questo ambito, come quelli di Luminary e Himalaya che hanno raccolto 100 milioni in venture capital; o la società di marketing podcast Chartable, che ha raccolto 1,5 milioni di dollari. Ma anche aziende già affermate, come Sony Music Entertainment, stanno entrando in questo interessante spazio.

I podcast, inoltre, stanno lentamente passando agli annunci dinamici, che consentono di modificare il contenuto degli ads nel tempo invece di pubblicare un unico annuncio per tutta la durata della trasmissione. Gli annunci inseriti dinamicamente attualmente rappresentano il 48,8% del volume di affari in advertising dei podcast, secondo il report dello IAB.

I formati pubblicitari

Oggi sono comunque gli annunci host-read la forma più popolare di pubblicità e questi richiedono relazioni specifiche con i podcaster e i loro show. Si tratta infatti degli annunci letti direttamente dalla voce dello speaker che hanno un tono più colloquiale e personale, e sfruttano la fiducia che il pubblico ha accumulato per un particolare appuntamento o podcaster.

Nel frattempo, alcune grandi aziende stanno cercando di sviluppare la loro attività pubblicitaria su podcast. I formati di annunci di Spotify, ad esempio, potrebbero includere contenuti brandizzati sotto forma di podcast appositamente realizzati, o interruzioni pubblicitarie inserite per utenti non premium, nonché host-read nei podcast esclusivi. Non è chiaro quanto gli inserzionisti saranno interessati a questi nuovi formati rispetto ai tradizionali host-read, ma potremo seguire gli sviluppi di queste nuove interessanti forme di adv.

Sorgente: Continua il boom del podcast, previste entrate per 1 miliardo di dollari entro il 2021

podcast, Continua il boom del podcast, previste entrate per 1 miliardo di dollari entro il 2021

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.