marketing per Facebook:, Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

Perché la tua azienda dovrebbe creare un piano di marketing Facebook, prima di iniziare a postare contenuti?

Perché ogni tua attività sui social dovrebbe rispondere a una più ampia strategia. Ogni post, risposta, like o commento dovrebbe essere dettato da un piano preciso, mirato a raggiungere determinati obiettivi.

Facebook è il più grande social network al mondo con oltre 2 miliardi di utenti attivi mensili. Solo negli Stati Uniti e in Canada, sono 183 milioni gli utenti attivi ogni giorno. Per dirlo in prospettiva, sono 80 milioni di persone in più rispetto ai 103 milioni di spettatori che si sono sintonizzati sul Super Bowl in TV nel 2018. In Italia, parliamo di un bacino di utenza di 35,7 milioni di utenti.

La buona notizia è che non hai bisogno di un budget da Super Bowl per entrare attivamente in gioco sui social. La condivisione di contenuti di valore che si connettono con fan e potenziali clienti è ciò su cui devi investire in prima battuta.

Come creare un piano di marketing Facebook in 8 passaggi

 1. Definisci il tuo pubblico

Quanti anni hanno? Dove vivono? Che tipo di professioni svolgono? Quali sono le loro sfide, i loro obiettivi, quali i loro punti deboli?  Come, quando  e perché usano Facebook?

Una volta che sai chi usa la piattaforma e come, puoi dare un’occhiata a  Facebook Audience Insights . Usa questo prezioso strumento per approfondire i dettagli sulle tue buyer personas.  Le informazioni su età, sesso, istruzione, stato della relazione, posizione, lingua, utilizzo di Facebook e anche attività di acquisto passate ti saranno utilissime per produrre contenuti (e annunci) in linea con i desiderata del pubblico.

marketing per Facebook:, Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

Può essere allettante concentrarsi sulle vanity metrics e gongolare nel raccogliere quanti più like possibile. Ma a meno che quei “Mi piace” non facciano parte di un piano di marketing Facebook più ampio, non offriranno un grande ritorno.

LEGGI ANCHE: Week in Social: dagli avatar su Facebook ai testi per gli adesivi musicali di Instagram

2. Stabilisci obiettivi S.M.A.R.T

Gli obiettivi saranno diversi per ogni azienda, ma dovrebbero concentrarsi su azioni che hanno un impatto reale sui risultati economici, come generare lead, aumentare le conversioni sul sito Web o migliorare il servizio clienti. Queste, però, sono ampie categorie di obiettivi. Dovrai assicurarti che essi siano più specifici e misurabili.

Tutto ciò che fai su Facebook – ogni post, ogni commento, ogni annuncio – ha come fine il raggiungimento di quegli obiettivi. Il modo più semplice per avviare un piano di Social Media Marketing è fissare almeno tre obiettivi.

Cosa significa S.M.A.R.T.?

marketing per Facebook:, Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

Caratteristiche fondamentali di un obiettivo (S.M.A.R.T.):

  • Specifico (Specific)
  • Misurabile (Measurable)
  • Raggiungibile (Attainable)
  • Rilevante (Relevant)
  • Con un limite di tempo definito (Time based)

Che il tuo nuovo blog diventi velocemente “The Blonde Salad” non è  un obiettivo SMART. Non è realistico, né basato sul tempo, ad esempio. Usare Instagram per condividere foto che trasmettano la cultura aziendale, in sei mesi, con tre foto a settimana per aumentare la Brand Awareness dell’azienda, lo è.

Continua su: Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

marketing per Facebook:, Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

Absolutezero

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.