fbpx

La campagna, sviluppata sia a livello experiential che sui social media da Spark44Roma, dichiara: “La letteratura accende il desiderio. L’elettricità anche”

Jaguar_Taobuk

Jaguar conferma la sua vicinanza al mondo della letteratura al Taobuk di Taormina dove, anche quest’anno, è presente come Official Sponsor. A supportare la presenza della casa automobilistica nel Festival Internazionale della Letteratura di Taormina, la campagna di comunicazione ideata e prodotta da Spark44, giocata sul legame valoriale tra Jaguar I-Pace, il Suv 100% elettrico, e il tema su cui è costruito il programma della manifestazione, il desiderio.

L’auto elettrica è oggetto del desiderio di tanti italiani, pochi la possiedono e molti la vorrebbero. Ma soprattutto l’elettrico, dicono le ricerche, accende il desiderio di molti italiani che vogliono provare nuove esperienze, essere testimoni del cambiamento in corso, consapevoli che avverrà un’accelerazione più presto di quanto pensiamo. Ecco spiegato il legame tra il desiderio di una rivoluzione tecnologica e la letteratura.

La campagna, sviluppata sia a livello experiential che sui social media da Spark44Roma, dichiaraLa letteratura accende il desiderio. L’elettricità anche.

Sui social media sono in corso diverse azioni: la pubblicazione di post su Facebook che riportano, come la campagna, alcune citazioni letterarie scelte appositamente per parlare di desiderio, legandosi al mondo di Jaguar I-Pace e un’attività di quiz letterario su Instagram in cui l’utente viene sfidato a giocare con titoli di libri modificati, per identificare il vero titolo e il suo autore.

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply