facebook ads, Come costruire il tuo piano di Facebook Ads in 7 mosse

L’advertising su Facebook è diventato oggi più che mai fondamentale per la promozione di aziende e professionisti, per fare business nel modo giusto.

Ecco perché è di primaria importanza costruire un piano di advertising che consideri Facebook come piattaforma per progettare efficaci campagne di digital marketing.

Che si tratti di aziende che si rivolgono al mercato B2B o B2C, Facebook può fornire soluzioni ad hoc per ogni esigenza.

A livello mondiale, ci sono oltre 2,38 miliardi di utenti attivi mensili (dati aggiornati a marzo 2019). Il 42% dei marketer afferma che Facebook è fondamentale e molto importante per la propria attività.

Comprensibile è, a questo punto, come il social ideato da Mark Zuckerberg rappresenti un luogo da presidiare per le aziende che vogliono ottenere grandi risultati.

Per costruire un piano di advertising su Facebook e far crescere il tuo business, infatti, avrai bisogno di seguire un percorso ben preciso, studiare con attenzione il tuo target ma soprattutto le funzionalità della piattaforma.

Partiamo da 7 mosse imprescindibili da non dimenticare.

facebook ads, Come costruire il tuo piano di Facebook Ads in 7 mosse

Continua su: Come costruire il tuo piano di Facebook Ads in 7 mosse

facebook ads, Come costruire il tuo piano di Facebook Ads in 7 mosse

Absolutezero

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.