sigma, Sigma annuncia lo sviluppo della più piccola mirrorless full frame esistente

Pesa solo 370 grammi ma cela tutto quello che serve per realizzare video e foto di qualità: la sorpresa di Sigma è un nuovo concept in via di sviluppo, unico nel suo genere.

Sigma, membro attivo e fondatore del consorzio L-Mount insieme a Leica e Panasonic, ha annunciato lo sviluppo della nuova FP, una mirrorless full frame estremamente compatta: le misure di 112,6 x 69,6 x 45,3 millimetri ed il peso di 370 grammi ne fanno la più piccola pieno formato esistente. La FP sarà dotata di un sensore da 24,6 megapixel di risoluzione, un CMOS retroilluminato (non Foveon) sviluppato per catturare sia foto che video, con una sensibilità massima di 25600 ISO e RAW a 14 bit; non è presente shutter meccanico, pertanto tutto avviene mediante otturatore elettronico, quest’ultimo piuttosto efficiente con i suoi ben 18fps di raffica.

FP presenta un layout innovativo e modulare, che nonostante le piccole dimensioni si mostra razionale e professionale. Sul dorso domina il display LCD mentre sulla parte superiore spiccano l’interruttore di accensione e lo switch tra foto e video (CINE – STILL). Ben posizionati anche il pulsante di scatto e quello di registrazione, diversificati ed entrambi ben raggiungibili. Il lato video in particolare si pone su un livello piuttosto avanzato, con la possibilità di girare in 4K UHD con output a 12-bit in CinemaDNG RAW: si può registrare internamente su schede SD (singolo slot) o direttamente in un drive SSD esterno. Non mancano modalità di ripresa avanzate, tra cui HDR e profili colore cinematici.

Continua su: Sigma annuncia lo sviluppo della più piccola mirrorless full frame esistente

sigma, Sigma annuncia lo sviluppo della più piccola mirrorless full frame esistente

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.