fbpx

La società statunitense Metabones ha annunciato il nuovo Speed Booster 0,71X dedicato ad adattare le ottiche Hasselblad V (6×6 cm) alle fotocamere e relativo attacco Fujifilm GFX. Grazie agli studi realizzati dal produttore non ci sarà perdita di prestazioni permettendo una maggiore creatività da parte degli utenti.

fujifilm

Il nuovo Speed ​​Booster di Metabones permette di recuperare parte dell’angolo di visione delle ottiche Hasselblad V se utilizzate su Fujifilm GFX. Stando a quanto dichiarato dalla società, all’interno troviamo una struttura a 6 elementi suddivisi in 4 gruppi in grado di arrivare a un’apertura di f/1.4 (con lunghezza focale di 78 mm) se abbinato all’obiettivo Hasselblad 110 mm f/2. In generale la massima apertura ottenibile è pari a f/1.2 (o f/1.7 con le ottiche).

Lo studio di Metabones ha previsto l’analisi degli obiettivi Hasselblad V per capire come ottimizzare la costruzione dello Speed Booster per evitare fenomeni come vignettatura pur mantenendo qualità e angoli di visione.

fujifilm

La struttura è pensata per essere saldamente bloccata sia alla fotocamera Fujifilm GFX sia all’ottica grazie a un sistema simile a quelli utilizzati in campo cinematografico. Questo consente di fare una regolazione della messa a fuoco precisa oltre a migliorare la presa delle varie componenti. Nella parte inferiore è anche presente una piastra per l’aggancio a un treppiede. Le dimensioni sono pari a 100,1 x 115,6 x 59,9 mm mentre il peso è pari a 863 grammi.

Lo Speed ​​Booster Ultra da 0,71x per adattare ottiche Hasselblad V alle fotocamere Fujifilm GFXsarà ufficialmente disponibile dal 16 Agosto 2019 con un prezzo di 899 dollari. L’adattare semplificato senza invece ha un costo di 399 dollari.

Sorgente: Metabones Speed Booster: adattatore da Hasselblad V a Fujifilm GFX | Fotografi Digitali

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply