fbpx

Se nel 1986 il 92% dei dati veniva immagazzinato in forma analogica, nel 2007 la cifra si è invertita ed è diventata per il 94% digitale. Questa mole di dati, i Big Data, insieme alla digitalizzazione e alle tecnologie esponenziali come Intelligenza Artificiale, Blockchain e Internet of Things, nonché al quantum computing, è il punto di partenza per il futuro. É quanto emerge da Smart Company. L’evoluzione dell’azienda con la quarta rivoluzione industriale, ricerca presentata ieri da Casaleggio Associati a Milano alle Officine Macchi.

L’evento. A illustrare i dati tre soci della Casaleggio Associati, Davide CasaleggioLuca Eleuteri e Maurizio Benzi affiancati da esponenti del settore, business leader di aziende già Smart. A partire da Fabio Vaccarono, Managing Director di Google Italy e membro di Google EMA Management Bord e Thomas Miao, CEO di Huawei. Presenti anche i vertici di Sitael, Vechain, Westpole, LoopAi, Dedalus, Ericsson, Vodafone, Nativa e École 42. La giornata è stata presentata da Mirko Pallera, Direttore e Founder di Ninjamarketing.it e i talk moderati dal direttore del Sole 24 Ore Fabio Tamburini e da Martina Pennisi del Corriere della Sera.

Numeri, strumenti e scenari per le Smart Company: la ricerca di Casaleggio Associati 1

Intelligenza Artificiale, Blockchain, IoT

Casaleggio Associati ha intervistato 350 aziende in tutto il mondo per cercare proprio di definire il perimetro della quarta rivoluzione industriale. Dallo  studio è emerso che l’applicazione delle tecnologie esponenziali provocherà un incremento mondiale della produttività e aprirà nuovi scenari economici.

IA. Secondo le stime, il mercato dell’Intelligenza Artificiale nel 2018 valeva circa 20,7 miliardi di dollari e nel 2026 sarà 202,6 miliardi di dollari. Nel 2035 si valuta che avrà un impatto sulla produttività italiana del 12 per cento e in alcuni Paesi raggiungerà il 40 per cento.

Blockchain. In particolare la blockchain avrà un valore di mercato nel 2024 di 60,7 milioni di dollari e entro il 2027 il 10 per cento del PIL globale sarà basato su almeno un processo basato sulla blockchain.

Internet of Things. Il Global Revenue dell’IoT nel 2021 raggiungerà 520 miliardi di dollari con una crescita del 121 per cento rispetto al 2017. Le connessioni 5G passeranno da 5 milioni del 2019 a 2, 6 miliardi nel 2025. In Italia gli operatori dovranno spendere circa 25 miliardi entro il 2025 per un ritorno pari allo 0,3 per cento del PIL l’anno per 15 anni dal 2020 (circa 6 miliardi l’anno). Oltre 4 milioni di robot saranno presenti in più di 50 mila magazzini in tutto il mondo e la collaborazione tra robot e umani si stima possa aumentare l’efficienza nella produzione dell’85%.

Cambio radicale del business model

“Diventare smart implica un cambio radicale nei modelli di business. La ricerca individua 8 modelli di business che queste aziende hanno adottato per diventare leader nel proprio settore – ha spiegato Davide Casaleggio – queste aziende hanno la caratteristica di avere una capitalizzazione per dipendente molto alta e in continua crescita. Nel 2006 You Tube è stata acquistata con una valutazione di 24,6 milioni di dollari per dipendente, nel 2012 Instagram per 77 milioni per dipendente, nel 2014 WhatsApp per 345 milioni per dipendente”.

 

Continua su: Numeri, strumenti e scenari per le Smart Company: la ricerca di Casaleggio Associati

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.