fbpx

Sono stati per anni il target di riferimento di tutti i marketer del mondo. Professionisti della comunicazione hanno studiato la formula magica per conquistare il loro cuore (e il loro portafoglio), ma come tutti sappiamo anche le storie d’amore più belle a volte – ahimè – finiscono.

Dal 2020 al centro dell’attenzione dei grandi brand non troveremo più i millennial, ma i giovanissimi della generazione Z, ovvero i nati indicativamente tra il 1995 e il 2010.

Si tratta di una generazione che non può immaginare un mondo privo di tecnologia, essendo nata nell’era degli smartphone, tablet, sSocial media e app (non a caso conosciuta anche come iGeneration o Gen Tech).

Pur essendo questa la differenza principale che distingue la gen Z dalle precedenti gen Y e X, ci sono altre caratteristiche che la rendono unica.

LEGGI ANCHE: 6 consigli per i brand che vogliono connettersi con la Generazione Z attraverso la musica

Influencer, social e siti di notizie: ecco come si informa la gen Z (e cosa cambia rispetto ai millennial) 1

La generazione Z riflette la necessità di una maggiore espressione individuale: i giovani si dimostrano infatti molto più tolleranti rispetto alle differenze e alle preferenze individuali in confronto ai loro predecessori, fanno nuove amicizie sia di persona che online e tendono a dare uguale peso a ogni tipo di amicizia.

Questo spiega perché i micro-influencer sono più apprezzati come fonti di informazioni nella fase di decisione di acquisto: sono considerati dei veri e propri amici e per questo meritevoli di fiducia.

Sono molto attivi in termini di impegno per il sociale, in quanto utilizzano il loro potere di acquisto come vera e propria arma: sono più propensi ad acquistare da un brand che sostiene qualche causa (ambientale, umanitaria, politica) e non hanno paura di boicottare invece le marche che non si comportano in modo etico.

Come si informano i giovani della Generazione Z?

Per rispondere a questa domanda analizziamo i dati emersi dall’indagine “Dal virale al tribale: come sta cambiando la lettura delle notizie?” condotta nel mese di luglio 2019 da Comscore e SenseMakers, che confronta le modalità di informazione della generazione Z da quelle dei millennial e dalla generazione X.

Continua su: Influencer, social e siti di notizie: ecco come si informa la gen Z (e cosa cambia rispetto ai millennial)

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply