fbpx

Dopo la presentazione show di giovedì scorso del Cybertruck di Tesla, un debutto con gaffe per il futuristico pickup elettrico e antiproiettile di Tesla, le azioni della Tesla hanno subito un calo on Borsa di oltre il 5%. Vero, verissimo. Ma è anche vero che Elon Musk è tutto fuorché uno che si arrende. Anche davanti ad una figuraccia mondiale. Ieri ha twittato un po’ di numeri. In poche ore il Cybertruck, il nuovo pickup di Tesla, ha scritto il miliardario texano, ha fatto registrare la bellezza di 146 mila ordini. “Il 42% ha scelto – ha spiegato il CEO della casa automobilistica Elon Musk – il modello con due motori, il 41% con tre e il 17% con motore singolo.

Un flop? In 146 mila hanno ordinato il Cybertruck di Tesla (dice Elon Musk) 1

credits tesla.com/cybertruck

Senza pubblicità. Musk ha sottolineato come il risultato sia arrivato senza nessuna pubblicità o spinta promozionale, a eccezione della presentazione in grande stile (e anche mezzo flop) di giovedì. I numeri forniti da Tesla sembrano smentire quegli analisti di Wall Street che temono che il design iper-moderno del Cybertruk possa scoraggiare molti acquirenti. Il veicolo ha un prezzo di partenza di 39900 dollari e dovrebbe entrare in produzione alla fine del 2021.

 

Continua su: Un flop? In 146 mila hanno ordinato il Cybertruck di Tesla (dice Elon Musk)

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply