fbpx

 

Eh sì. Anche quest’anno (come sempre), nonostante i migliori propositi non ce l’hai fatta e sei alla ricerca ancora oggi degli ultimi regali di Natale. I libri risolvono tutto e sono sempre un bel dono, un arricchimento per la cultura, ma anche per le competenze e la professionalità, quando si tratta di titoli di settore come quelli che stiamo per consigliarti.

E se invece sei tra quei pochi super-organizzati che hanno finito di impacchettare i regali già all’inizio del mese, allora potresti pensare di indirizzare proprio a te stesso uno di questi volumi.

In fondo, se proprio dobbiamo abbandonarci alle spese folli, almeno che sia per qualche valido motivo e i libri lo sono sempre.

Abbiamo provato a dare uno sguardo agli autori più blasonati ma anche a quelli più vicini a noi Ninja, per consigliarti dieci libri che potresti mettere nel carrello questo Natale o in vista del 2020.

ninja

1. Il classico, Seth Godin

Bestseller n. 1 del Wall Street Journal e bestseller del New York Times, This is Marketing: You Can’t Be Seen Until You Learn To See ci mostra un approccio rivoluzionario al marketing, alle vendite e alla pubblicità.

In questo testo Seth Godin offre il nucleo della sua saggezza di Marketing e indipendentemente dal tuo prodotto o servizio, questo libro ti aiuterà a scoprire come connetterti in modo significativo con le persone che lo desiderano.

Ma questo libro è interessante e utile anche per chiunque voglia semplicemente avere un’idea di come, e perché, acquistiamo le cose.

2. L’ultima uscita, Alberto Maestri

Amazon, Facebook, AirBnB, Uber, Spotify; ma anche startup innovative con il cuore digitale o aziende tradizionali in profonda trasformazione: le piattaforme digitali sono ovunque.

Intelligenze artificiali che scelgono per noi le strade più comode per raggiungere gli amici e le canzoni ideali per il pranzo di Natale.

E le marche? Stanno diventando inutili o semplicemente troppo costose? Certo, con il digitale qualcosa per i brand è cambiato, ma Platform brand. Ripensare l’esperienza di marketing nell’economia digitale invita proprio a riflettere sulle traiettorie future dell’innovazione nel marketing.

Un libro da leggere con la mente aperta, rivolto a chiunque abbia la voglia o la necessità di aggiornarsi, formarsi e fermarsi. Perché tutti noi, esperti di marketing o meno, dobbiamo essere clienti, e consumatori, consapevoli del mondo che cambia.

10 libri da regalare (e da regalarsi) a Natale per un professionista del Marketing 1

3. Per apprendere le strategie dei grandi, Douglas B. Holt

How Brands Become Icons: The Principles of Cultural Branding è uno di quei libri capaci di aprire la visione sulle strategie dei grandi brand, per trovare ispirazione per il proprio business.

Un testo che distilla le strategie utilizzate per creare i marchi più duraturi del mondo in un nuovo approccio chiamato “Cultural Branding”.

Costruire l’identità di marca è più difficile che mai oggi, poiché sempre più prodotti competono per attirare l’attenzione su una gamma sempre crescente di canali. Questo libro offre ai professionisti del marketing e ai manager un’alternativa alle strategie di branding convenzionali.

4. L’approfondimento utile, Chiara Landi

Chiara Landi scrive Branded content. Studi, casi, esempi nel contesto italiano, per parlare di come si può promuovere un brand facendo cultura.

La strategia comunicativa del branded content vuole essere una risposta a questa domanda. Considerato una forma di branded entertainment, si differenzia da altre forme come il product placement, ma anche dalla pubblicità tradizionale, per la mancanza di intrusività e ripetitività. Il suo tratto più caratterizzante è l’assenza di una immediata associazione fra brand e prodotto culturale. Il branded content diffonde e promuove un brand senza parlarne esplicitamente.

Un libro che esplora la novità di questa forma di comunicazione, la molteplicità di piattaforme utilizzate – web, tv, eventi e supporti cartacei – e il suo carattere interattivo sulla base di una ricerca quali/quantitativa che coinvolge professionisti e pubblico.

10 libri da regalare (e da regalarsi) a Natale per un professionista del Marketing 2

5. Il punto di vista nuovo, Malcolm Gladwell 

Nel suo libro In un batter di ciglia. Il potere segreto del pensiero intuitivo, Gladwell ci spiega come raggiungere una diversa forma di conoscenza.

Ci è stato insegnato che, prima di operare una scelta o di formulare un giudizio, è preferibile raccogliere e vagliare con cura il maggior numero di informazioni. Esiste però un’altra forma di conoscenza, che si concretizza in quella prima, fugace idea che ci facciamo di qualcuno o di qualcosa “in un batter di ciglia”.

Tale attività di “cognizione rapida” si rivela un indispensabile strumento di interpretazione della realtà, soprattutto nei momenti di emergenza. L’autore analizza cosa si nasconde dietro la spontaneità di giudizio, alla luce delle più recenti conquiste delle neuroscienze e della psicologia.

6. Imparare lo stile, Luisa Carrada

Con il suo Guida di stile. Scrivere e riscrivere con consapevolezza, Luisa Carrada ci insegna come scrivere…


Leggi di più su: www.ninjamarketing.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply