fbpx

Facebook ha riversato il massimo del focus del 2019 proprio sui gruppi, che permettono di massimizzare l’engagement. Ma via via che il gruppo Facebook cresce, anche le attività di gestione aumentano.

Per questo sono stati pensati dal social di Menlo Park alcune soluzioni di automatizzazione per aiutare gli amministatori a concentrarsi sulla moderazione.

Dopo i moderatori suggeriti, un’altra di queste soluzioni è proprio l’introduzione di una funzionalità che permette l’approvazione automatica dei membri all’interno di un gruppo.

fb approvazione membri gruppo

I requisiti che possono essere impostati sono 4:

  • Completare le domande di iscrizione
  • Vivere in una città o in una regione specifica
  • Avere amici all’interno del gruppo
  • Essere attii su Facebook da almeno un anno.

Questa funzionalità consente quindi agli amministratori di mantenere un certo livello di controllo sui membri in arrivo, anche se non stanno approvando individualmente ciascuno.


Leggi di più su: marketers.media

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply