fbpx

Negli scorsi giorni sia Twitter che Facebook avevano annunciato una serie di nuove rimozioni, in seguito a indagini sugli account relativi a campagne politiche sui social.

L’azione ha avuto poi effettivamente luogo:

  • Twitter ha rimosso 5.929 account originari dell’Arabia Saudita, che facevano parte di una più ampia rete di “88.000 account coinvolti in comportamenti di spam su una vasta gamma di argomenti”.
  • Facebook ha rimosso 39 account Facebook, 344 pagine, 13 gruppi e 22 account Instagram che facevano parte di una rete focalizzata in Georgia
  • Facebook ha anche rimosso 610 account, 89 pagine Facebook, 156 gruppi e 72 account Instagram originari del Vietnam e degli Stati Uniti.

Le nuove strategie dei fake account

Come riportato dal New York Times, inoltre, Facebook ha scoperto che in una rete collegata a Epoch Media Group le Pagine e i profili utilizzavano “foto di profili falsi che erano state generate con l’aiuto di AI”.

Twitter e Facebook hanno rimosso oltre 6mila account falsi relativi a manipolazione politica 1

Si tratta in quest’ultimo caso di uno sviluppo particolarmente preoccupante, che potrebbe indicare la fase successiva delle campagne di manipolazione digitale.

L’indagine di Twitter si è invece concentrata su una società di marketing saudita chiamata Smaat, che gestisce operazioni sia politiche che commerciali. Twitter afferma che mentre Smaat sembra una normale agenzia di gestione dei social media, ha collegamenti con la famiglia reale saudita e i profili gestiti hanno inviato oltre 32 milioni di tweet e guadagnato milioni di follower. Mentre molti dei tweet di questi profili sembrano innocenti, a questi sono mescolati anche messaggi di propaganda politica.

Questi profili chiedevano inoltre regolarmente agli utenti di “ritwittare” o “seguire”, portando così alla creazione di sottogruppi più piccoli all’interno delle reti. Twitter ha anche notato che “c’era una notevole quantità di automazione per rendere difficile capire su cosa si fossero concentrati gli account”.

Questo fornisce nuove informazioni sulle tattiche in evoluzione di tali operazioni. Facebook ha anche fornito esempi specifici di post condivisi dai profili che sono stati rimossi per comportamento “non autentico”.

Twitter e Facebook hanno rimosso oltre 6mila account falsi relativi a manipolazione politica 2

Queste nuove rimozioni di account si aggiungono alle migliaia già effettuate quest’anno.

Leggi di più su: www.ninjamarketing.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply