fbpx

Forbes ha pubblicato la sua lista annuale dei creator che guadagnano di più su YouTube e chi ha conquistato la vetta è un bambino di soli 8 anni, che nel suo canale Ryan’s World si occupa di recensire giocattoli.

Ecco chi ha ottenuto i maggiori guadagni nel 2019, sempre secondo Forbes:

  • Ryan Kaji – $ 26 milioni
  • Dude Perfect – $ 20 milioni
  • Anastasia Radzinskaya – $ 18 milioni
  • Rhett & Link – $ 17,5 milioni
  • Jeffree Star – $ 17 milioni
  • Preston Arsement – $ 14 milioni
  • PewDiePie – $ 13 milioni
  • Markiplier – $ 13 milioni
  • DanTDM – $ 12 milioni
  • Vanoss Gaming – $ 11,5 milioni.

Da questo elenco si evince la popolarità dei canali relativi al gaming in generale.

Inoltre, Susan Wojcicki, CEO di YouTube, ha recentemente osservato che:

The number of creators with a million or more subscribers has grown 65% [in 2019], and creators earning five or six figures, annually, has increased more than 40%

Nonostante le voci che dichiarano che YouTube è ormai un canale saturo, questi dati dimostrano che invece ci sono ancora ampi margini di guadagno.


Leggi di più su: marketers.media

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply