fbpx

Raccontare la vita quotidiana sui social network a bordo di un’auto. Un progetto che prosegue da diversi mesi e sta portando risultati davvero sorprendenti. Silvio De Rossi, influencer automotive tra i più popolari in Italia, sta raccontando il mondo Opel su Instagram con una produzione costante di foto, clip video e Stories.

Il viaggio insieme è cominciato a maggio con Opel Grandland X per poi proseguire a bordo di Crossland X nel corso dell’estate. “Sono costantemente in movimento – spiega Silvio De Rossi – Passo più tempo seduto davanti a un volante, che alla mia scrivania. Trovare un punto d’incontro con Opel è stato molto semplice. Lo storytelling è molto naturale, perché le mie giornate sono fatte di spostamenti continui tra appuntamenti e produzioni”.

Tutto è cominciato con Opel Grandland X, il SUV di dimensioni maggiori della gamma del Brand tedesco che da agosto 2017 fa parte del Groupe PSA. “E’ uno dei SUV più versatili in circolazione – spiega Silvio De Rossi – con il mio team abbiamo deciso di mostrarlo non solo nella cornice cittadina, ma anche in campagna”.


Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply