fbpx

 

  • I cyber-attacchi nelle aziende preoccupano il 39% degli intervistati a livello globale

  • In Italia il costo medio annuo per azienda delle violazioni della sicurezza informatica ha raggiunto gli 8 milioni di dollari

  • Nel 2019 il cybercrime è cresciuto del 17% a livello mondiale rispetto alle cifre del 2018

  • Nuove tecnologie e collaborazione potrebbero essere la chiave per superare le sfide del futuro

a cura di Thomas Ducato, giornalista di Impactscool

Sempre più pericolosi e impattanti sul piano economico: i rischi informatici, per la prima volta, sono percepiti dalle aziende come la minaccia numero uno. A dirlo è il report Allianz Risk Barometer 2020, che ha analizzato le risposte di 2.700 esperti fra cui amministratori delegati, risk manager, broker ed esperti assicurativi in oltre 100 Paesi. I dati non lasciano spazio a interpretazioni: i cyber-attacchi preoccupano il 39% degli intervistati a livello globale, con un incremento considerevole rispetto al passato. Sette anni fa, infatti, i rischi informatici erano al 15esimo posto della classifica con il 6% delle risposte.

Una crescita esponenziale dovuta a minacce sempre più sofisticate, maggiori competenze degli “attaccanti”, grande velocità delle reti, poss…

ABBONATI SUBITO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Con Ninja PRO Information
sei un passo avanti, ogni giorno

Ai veri professionisti servono i Superpoteri: la migliore
Informazione con la massima praticità.

Abbonati oggi e avrai:

La Ninja Morning Pro in mail

Il formato audio delle news

Nessun banner, solo contenuti

Tutti gli Articoli PRO del magazine




Leggi di più su: www.ninjamarketing.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply