fbpx

Michele Carbonara

Il protrarsi dell’emergenza legata alla diffusione del Covid-19 si fa sentire anche nel mercato della pubblicità online. Sono già moltissime infatti, le aziende che hanno congelato o annullato le loro campagne di comunicazione nel tentativo di fare economia in queste settimane di crisi.

«Lo stop alle pianificazioni è evidente soprattutto per le campagne acquistate in modo tradizionale», conferma Michele Carbonara, Chief Sales Officer di Evolution ADV, importante concessionaria di pubblicità online che gestisce la raccolta di un network di oltre 200 siti web in Italia. «Le cose vanno meglio nell’open market programmatico – precisa il manager – ma parliamo comunque di un calo della domanda nell’ordine del 20-30%».

Tutto questo avviene mentre, per converso, le audience dei media online sono alle stelle. Gli utenti infatti, costretti forzatamente a casa dalle misure di contenimento messe in campo dal Governo per limitare i contagi, passano molto più tempo online, fruendo più del solito delle testate di news e di tutti i servizi di intrattenimento.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply