fbpx

Iniziamo aprile con tanti aggiornamenti direttamente dal mondo dei social: la prima Week in Social del mese risponde presente e vi aggiorna in perfetto stile Ninja.

Facebook propone Facta

Ne abbiamo parlato tante, tantissime volte: Facebook intende andare a fondo sulla questione contrasto alle fake news. Migliaia gli account chiusi e le rilevazioni fatte dal team, ma ora non basta.

Per questo motivo arriva Facta, proprio in questi giorni in cui continuano invadenti le notizie false e allarmanti sul Covid-19. Si tratta di un progetto pilota mirato al fact-checking concentrato su WhatsApp. Un progetto spinto dalle direttive di Agcom per tutelare gli utenti contro la disinformazione sul Coronavirus.  

facebook 100 milioni pmi coronavirus

Come funzionerà? Ogni utente potrà inviare a Facta, tramite WhatsApp, messaggi relativi all’emergenza attuale affinché il fact-checking possa verificarne la veridicità. Tutte le info, vere e false, saranno poi riportate sul sito web di riferimento per poter mettere a tutti di consultarlo.  

Un servizio gratuito e facile da usare: salvate il numero +39 345 6022504 in rubrica ed inviate messaggi o vocali o immagini di dubbia autenticità. Facta farà un lavoro di analisi e risponderà direttamente sul sito Facta News.

Sarà possibile anche richiedere un aggiornamento quotidiano delle notizie già verificate. 

Facebook (ri)lancia Messenger

Ma come, direte voi, non esisteva già?

Sì, ma ecco la novità: Messenger arriva sia su Mac che su Windows con un’applicazione tutta sua. Sono passati molti mesi da quando lo avevamo annunciato e quei test e quelle indiscrezioni che sembrano non arrivare mai, alla fine si rivelano concreti. 

Accade perché in tempi di quarantena sono triplicati gli accessi alle piattaforme per videochiamate come accaduto per Zoom e poter implementare anche questa funzione per Facebook si tradurrà in maggiori accessi e utenze.

Facebook Messenger, il decalogo per il customer service

 YouTube sfida TikTok

“Secondo quanto riferito da diverse The Information, YouTube sta pianificando di lanciare un’applicazione in-app rivale di TikTok per la condivisione di video virali. Si chiamerà Shorts e dovrebbe arrivare prima della fine del 2020.

La feature dovrebbe vivere all’interno della stessa applicazione mobile esistente di YouTube. A quanto è dato di capire, sembra che la funzionalità si ispiri al concetto di TikTok: un feed di video super-brevi che fungono da alternativa a vlog e clip più lunghi che appaiono su YouTube.”

YouTube-TikTok

La scelta di mantenere i video all’interno dell’app madre, permetterà agli utenti di sfruttare la vasta libreria di musica e colonne sonore su licenza della piattaforma.

Per approfondire la news, l’articolo di Ninja Marketing: YouTube vuole lanciare una sua applicazione in risposta a TikTok

Twitter e i fake sul social

Sono tutti dalla stessa parte: i social si battono puntualmente per garantire notizie vere e account reali. Anche Twitter, non è da meno.

Twitter ha infatti eliminato oltre 20 mila account falsi relativi alla comunicazione dei governi di cinque paesi: Arabia Saudita, Serbia, Egitto, Honduras e Indonesia. 

Le altre notizie dai social, in breve

Whatsapp, Facebook ed Instagram in down da più giorni: se pensate che il problema sia solo vostro, tranquilli. Impossibilità di pubblicare e caricare le pagine: o una modifica del sistema o un sovraccarico delle piattaforme.

Medici e TikTok: chi ha detto che è un social per giovanissimi? I medici americani hanno deciso di informare i cittadini in modo semplice e significativo: inviando informazioni tramite TikTok.




Leggi di più su: www.ninjamarketing.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply