fbpx

Anche Ikea ha deciso di raccontare sui media queste settimane di emergenza sanitaria, con uno spot che (naturalmente) si concentra su quello che succede nelle case degli italiani, dove “la vita non si è fermata“.

L’azienda che da 30 anni in Italia aiuta le persone nel vivere al meglio la propria vita in casa, ripercorre i due mesi in cui tutto il Paese si è fermato, ha trattenuto il respiro e ha riscoperto la vita in casa. Lo fa nel primo giorno in cui l’Italia volta pagina e si avvia ad affrontare “la Fase 2” ripartendo da casa, il luogo d’elezione di questa azienda e della sua mission.

Da qui l’idea: dare voce a quel mondo in pausa, fuori, ma pieno di vita dentro, le persone e le case. Una vita che non solo è andata avanti ma che anzi ci ha visti cambiare, sfidandoci a trovare, nelle limitazioni imposte, nuovi modi di stare vicini e di esprimere i nostri sentimenti. Ne viene fuori un racconto per immagini di un minuto in cui tutti si ritrovano, dove le case, che ci hanno custodito durante l’isolamento, si preparano a ripartire, insieme a tutti noi.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply