fbpx

Ghali-day-discovery
Ghali

La voce di Ghali, mascherine ben in vista e un’alba che racconta tutta la voglia di rinascita di una città piegata ma non spezzata dal coronavirus: Milano celebra il 4 maggio e l’uscita dal lockdown con la nuova campagna pubblicitaria “Un nuovo inizio. Un passo alla volta”, che invita ad affrontare con prudenza, consapevolezza ma anche serenità l’ingresso nella “fase due”.

La campagna, lanciata con il brand YesMilano, è un progetto di Milano&Partners, l’agenzia di promozione della città di Milano, promosso dal Comune di Milano e dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. La firma creativa è dal Gruppo TBWAItalia, con produzione di Tapelessfilm e regia di Davide Gentile.

Il video, già visibile sui canali social di Comune, Camera di commercio, YesMilano e Ghali, sarà visibile da domani in tutta la città attraverso circuiti di comunicazione audiovisiva e declinato anche in una campagna affissioni.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply