fbpx

La settimana scorsa è stata una settimana di grandi novità. La pandemia è andata avanti mentre gli Stati Uniti hanno superato i 100.000 morti di COVID-19. La disoccupazione è peggiorata. La polizia di Minneapolis ha dato il via a una tempesta di fuoco nazionale con la morte in custodia di un uomo di colore, George Floyd. E oh, a proposito, i cinesi sono diventati più aggressivi a Hong Kong e l’economia ha continuato a vacillare nonostante i piccoli passi verso la riapertura.

Con questo sfondo di notizie, è stato facile perdersi gli ultimi scatti del presidente Donald Trump in un attacco ai social network – Nello specifico Twitter e Facebook.

Questa lotta è in corso da un po’ di tempo. E’ strettamente correlata ai tentativi di Trump di etichettare le principali testate giornalistiche come “notizie false” e i giornalisti rispettati come pessimi reporter. Trump ha chiaramente un rapporto sciolto con i fatti su molte questioni e un’affinità per le teorie di cospirazione. Ha spesso usato Twitter per esprimere opinioni, teorie e minacce.

Questo avviene sulla scia di prove convincenti che i governi stranieri hanno usato campagne di disinformazione sulle piattaforme dei social media come mezzo per seminare discordia e influenzare le elezioni.

Peter C…..


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply