fbpx

Mark Zuckerberg

Oltre alla censura di capolavori della letteratura e del cinema e all’abbattimento di statue di personaggi del passato, c’è anche il boicottagio pubblicitario di Facebook tra le conseguenze sorprendenti di Black Lives Matter, il movimento di protesta anti-razzista divampato dopo l’omicidio di George Floyd negli Usa.

Brand come Patagonia, The North Face e Ben & Jerry’s (Unilever) sono stati tra i primi marchi ad annunciare la propria adesione alla chiamata degli attivisti di sospendere per tutto il mese di luglio le loro campagne sul social di Mark Zuckerberg, colpevole di non aver preso una chiara posizione sulla questione razziale, decidendo (a differenza di altri social, come Twitter) di non rimuovere o segnalare alcuni tweet controversi di Donald Trump (leggi anche qui).

Con il passare dei giorni, soprattutto negli Stati Uniti la lista delle società che hanno annunciato di voler stoppare le proprie campagne pubblicitarie sul social si allunga, tanto che la stessa Facebook ha dovuto ammettere l’esistenza di un “deficit di fiducia“.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply