fbpx

La storia di Amazon e dei suoi device non è costellata solo di buone notizie. In molti ricorderete il Fire Phone, uno dei flop più clamorosi del colosso di Seattle. Da un po’ di tempo, però, Amazon sta puntando sui tablet a basso costo. Dispositivi dalle caratteristiche medie che, però, considerato il prezzo di vendita, diventano buone opportunità. L’ultimo è l’Amazon Fire HD 8 2020, presentato qualche settimana fa. Prezzo di listino: 99 euro. Come va? Lo abbiamo provato per qualche giorno, e adesso ve lo raccontiamo.

Le caratteristiche

Partiamo dalle caratteristiche. Questo tablet è dotato di uno schermo da 8” 1280 x 800 ad alta definizione, con oltre un milione di pixel. Non aspettatevi la brillantezza di un Oled, certo. Ma a questo prezzo, è difficile trovare di meglio. Il processore è stato rinnovato rispetto ai predecessori. Quello Fire HD 8 ha un quad-core da 2.0 GHz e 2GB di RAM2.

Aumenta anche lo spazio di archiviazione. Il nuovo tablet Fire è infatti disponibile con opzioni da 32GB o 64GB di memoria, espandibile fino a 1TB grazie alla solita microSD. Inoltre è possibile beneficiare di archiviazione illimitata sul cloud per tutti i contenuti Amazon e fotografie realizzati con i tablet Fire. Un dettaglio non da poco, soprattutto per ciò che concerne le immagini.

Il tablet Fire Hd 8 di Amazon

Come funziona

Nell’approcciarsi a questo tablet bisogna sempre tenere in considerazione il prezzo: 99 euro (129 per la versione da 64 GB). E ripetersi spesso che per un tablet che possa regalarci esperienze migliori, potremmo spendere tre volte tanto. Fire HD 8 è il classico esempio di low cost astuto. Materiali resistenti, hardware robusto ma un po’ datato.

Un giusto mix di compromessi insomma. Il display da 8 pollici è molto lontano da quello di un iPad, per esempio. I colori non sono brillantissimi. Ma riesce comunque a rimanere competitivo se non abbiamo esigenze particolari. La durata della batteria è nella media (circa 12 ore di autonomia) e finalmente anche Amazon ha sposato l’USB type C.

La fluidità del sistema operativo è accettabile. È una rivisitazione di Android 9 molto alleggerita da Amazon. Non aspettatevi prestazioni paragonabili a dispositivi di altra fascia, ma il dispositivo fa quello che gli viene chiesto. La dimensione è apprezzabile, e si tiene in una mano abbastanza agilmente.

Per chi va bene

Chi vuole acquistare un tablet del genere deve prima chiedersi a cosa gli serve. Perché Fire HD 8 non è il massimo per chi sogna di farne un dispositivo per la produttività. Molte applicazioni potreste non trovarle nello store.

Se invece avete in mente di prendere un tablet a basso costo che possa servirvi per guardare i film su Netflix (o su Amazon Prime Video), o magari un dispositivo da far usare ai bambini per vedere video e giocare a qualche games, allora l’acquisto è quello giusto. Soprattutto se siete clienti Amazon Prime (molti contenuti proposti sono gratuiti per gli abbonati). Su questa fascia di prezzo, insomma, difficilmente si trova di meglio.

Potrebbe interessarti anche:

VIDEO: La tastiera rétro per gli amanti della macchina da scrivere che si può usare anche con i tablet


Leggi di più su: it.mashable.com

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply