fbpx

Marito e moglie, entrambi avvocati, hanno puntato delle armi – una semi automatica e una pisola – contro alcuni manifestanti a St. Louis, Missouri. Il corteo, organizzato da Expect Us, come riporta l’HuffPost, stava attraversando uno dei quartieri più esclusivi della città ed era diretto verso la residenza della sindaca Lyda Krewson quando un gruppo di persone è entrato nel giardino dell’abitazione della coppia. Non è chiaro se le armi fossero cariche o meno.

Krewson è sotto pressione dopo aver letto in diretta Facebook i nomi e gli indirizzi di casa degli attivisti che avevano chiesto la riforma della polizia, sulla scia delle proteste per la morte di George Floyd. In seguito alle polemiche la sindaca ha poi cancellato il post.

Il video, pubblicato su Twitter dal fotografo freelance Daniel Shular ha fatto il giro del mondo.

In un altro video, anche questo pubblicato su Twitter, si vedono i manifestanti entrare nel cancello della casa, urlando alcuni slogan. L’immensa villa in stile rinascimentale era stata protagonista di un servizio fotografico pubblicato sul St. Louis Magazine subito dopo la ristrutturazione della proprietà.

Dopo la pubblicazione su Twitter del primo video molti utenti hanno postato le generalità dei due residenti, contro i quali sono stati pubblicati decine di messaggi.

In copertina: foto Reuters

Potrebbe interessarti

Il video: “Ogni nero in Italia ha una storia di discriminazione”: le testimonianze




Leggi di più su: it.mashable.com

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply