fbpx

 

I creator neri su TikTok affermano che la popolare app per i social media è ancora “shadow banning” i loro contenuti – nonostante l’impegno della società per supportare meglio i creator di colore dopo settimane di critiche alla piattaforma. Shadow banning si riferisce al blocco o al blocco parziale di un utente o dei suoi contenuti da un forum web, in modo che non sia immediatamente evidente per l’utente che sono stati bannati.

I creator neri hanno detto a Digital Trends che hanno visto i loro follower e il numero di visualizzazioni  drasticamente ridotto dopo aver postato sull’applicazione o sul movimento Black Lives Matter o dopo aver parlato di razzismo, o dopo aver parlato di razza in generale. Alcuni sostengono che i loro video sono stati cancellati senza che gli sia stato dato un motivo, lasciando a interrogarsi sul perché.

“Mi hanno tolto diversi video e non rispondono affatto”, ha detto Nakita Davidche ha 380.000 follower sull’app, in un’intervista a Digital Trends. “Se si lavora sodo su un video e TikTok decide di cancellarlo per qualsiasi motivo, è il dolore peggiore”.

Un altro creatore, Cindy Manu19 anni, che vive nel sud di Londra, ha detto che quando ha iniziato il suo TikTok nel settembre 2019, ha avuto più di 50.000 visualizzazioni in media. Sarebbe apparsa regolarmente nell’ambita pagina “For You” dell’app – dove i video più popolari vengono mostrati a un pubblico più ampio – raccogliendo milioni di visualizzazioni.

 

Vista su TikTok

Poi, mentre in tutto il mondo le proteste di Black Lives Matter hanno cominciato a prendere piede, Manu ha notato che i video sono scomparsi dal suo feed, e il suo numero di visualizzazioni è sceso bruscamente a un paio…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90.È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello.Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo.Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII.È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply