Al momento stai visualizzando Snapchat condivide nuovi approfondimenti sull’importanza dei controlli sulla privacy nelle app sociali [Infografica]
  • Save

Snapchat condivide nuovi approfondimenti sull’importanza dei controlli sulla privacy nelle app sociali [Infografica]

La privacy è un aspetto fondamentale per gli utenti di Snapchat e, sempre di più, per gli utenti del web in generale, con l’esaurirsi della novità iniziale dei post pubblici sui social media e con un numero sempre maggiore di persone che cercano di rimanere in contatto senza il timore del giudizio che può derivare dalla diffusione della propria prospettiva.
In effetti, l’uso di WhatsApp ha continuato a crescere, i Gruppi di Facebook hanno continuato a guadagnare slancio e Instagram sta ora vedendo molte più condivisioni tramite IG Direct, rispetto al coinvolgimento diretto nell’app. Viste le varie controversie e preoccupazioni, non sorprende vedere un numero maggiore di condivisioni al buio.
Ma quanto è importante la condivisione privata e quali sono le principali preoccupazioni degli utenti in materia di privacy? È quanto Snap ha cercato di scoprire con il suo ultimo sondaggio, che ha raccolto le risposte di 13.519 utenti giornalieri dell’app social di età compresa tra i 13 e i 40 anni, provenienti da 11 mercati internazionali. I risultati principali:

  • il 77% degli intervistati considera la privacy online importante, mentre solo il 72% è effettivamente soddisfatto del proprio livello attuale di privacy online.
  • il 90% degli utenti di app sociali ritiene importante che le app sociali/di comunicazione con cui interagiscono si preoccupino di proteggere la loro privacy
  • L’introduzione di funzionalità che aiutino gli utenti di app di comunicazione e social a riprendere il controllo delle proprie informazioni è un ponte importante per costruire la fiducia

Snap ha messo insieme una panoramica dei suoi risultati nell’infografica qui sotto, mentre è possibile consultare il rapporto completo di Snap qui.

Snapchat data privacy study
  • Save

Leggi di più su Social Media Today

Lascia un commento