Pinterest aggiunge il deeplinking mobile per aumentare l’attività d’acquisto

Pinterest sta aggiungendo un altro modo per consentire ai brand di indirizzare il traffico dall’app, grazie ai deep link dei Pins che indirizzeranno gli utenti a una pagina specifica dell’app mobile dei rispettivi rivenditori. In questo modo sarà più facile sfruttare l’attenzione dei Pinners che arrivano sulla piattaforma con l’intenzione di fare shopping, indirizzandoli lungo il percorso che li porterà all’acquisto.
Come spiegato da Pinterest:“Per i rivenditori, i deep link mobili indirizzeranno istantaneamente gli utenti di Pinterest a una pagina specifica della loro app mobile, rendendo più facile l’acquisto di prodotti dopo aver cliccato su un’inserzione di shopping che hanno scoperto sulla piattaforma.L’eliminazione di ulteriori passaggi e clic può avere un impatto incrementale sulla campagna di shopping di un rivenditore”. “I collegamenti profondi di Pinterest saranno disponibili per gli annunci di shopping e i clic apriranno automaticamente l’elenco dei prodotti nell’app del rivenditore sul dispositivo dell’utente, se quest’ultimo l’ha installata.
“Se l’utente non ha installato l’app del rivenditore, viene portato alla pagina web del cellulare, il tutto all’interno dell’app Pinterest. Il percorso dell’utente senza soluzione di continuità offerto dai link profondi mobili accorcia il percorso di acquisto eliminando ulteriori passaggi, con conseguenti conversioni più elevate per gli inserzionisti e i rivenditori. “Si tratta di un’aggiunta potenzialmente preziosa, che fornisce un vantaggio in termini di traffico diretto da Pinterest e che può contribuire a facilitare la conversione nella tua app. Naturalmente, Pinterest ha anche i suoi Product Pins e altre opzioni di acquisto, che sono progettati per massimizzare l’attività di acquisto nell’app.
Ma questi strumenti consentono anche di rimandare gli utenti al sito web del rivenditore, il che potrebbe rendere il deeplinking una strada più valida e percorribile per attirare i clienti.

Leggi di più su Social Media Today

Lascia un commento