I principali inserzionisti si ritirano da X, il che potrebbe dare il via a un maggiore allontanamento dall’app

Sebbene Elon Musk e l’amministratore delegato di X, Linda Yaccarino, abbiano ripetutamente lodato il fatto che il loro progetto X “non è noioso“, sono abbastanza sicuro che gli eventi di questa settimana li farebbero sentire sollevati nel vedere un periodo di relativa noia in vista delle vacanze.

Anche se questo, ovviamente, sembra improbabile.

Questa settimana, X è stata colpita da una nuova serie di sfide, per lo più derivanti dalle dichiarazioni e dalle prese di posizione pubbliche di Musk su varie questioni.

Ricapitolando, nel corso della settimana

  • Un nuovo rapporto di analisi di terze parti ha suggerito che X non sta facendo abbastanza per contrastare la disinformazione sulla guerra tra Israele e Hamas, cosa che è essenzialmente supportata dai numeri diramati da X stessa
  • Sulla base di questo e di altri rapporti, la Commissione Europea ha annunciato che avrebbe bloccato la pubblicità su X a causa di “diffuse preoccupazioni relative alla diffusione della disinformazione”
  • Il giorno successivo, anche IBM ha annunciato cheavrebbe bloccato tutta la pubblicità su X a seguito diun nuovo rapporto di Media Matters che ha dimostrato che X sta inserendo promozioni a pagamento insieme a materiale filonazista nello streaming
  • Lo stesso giorno, Musk ha amplificato e supportato un punto di vista antisemita su X, che è stato collegato a vari attacchi contro gli ebrei nel corso degli anni (SMT non ne ripeterà i dettagli)
  • A seguito del post di Musk, molti grandi inserzionisti hanno annunciato che sospenderanno le loro campagne pubblicitarie su X, tra cui Apple, Lionsgate, Disney e altri. L’elenco degli inserzionisti che si uniscono a questo nuovo boicottaggio cresce di ora in ora
  • Un giudice federale ha anche respinto il tentativo di X di annullare una multa della FTC di 150 milioni di dollari (derivante da azioni compiute sotto la precedente gestione di Twitter)
  • Su un altro fronte, un ente di controllo del settore ha chiesto alla FTC di esaminare i nuovi formati pubblicitari di X, alcuni dei quali non sono sufficientemente chiari nella loro divulgazione. Questo potrebbe portare a una nuova indagine sulle pratiche pubblicitarie di X

Quindi, sì, non è stata una grande settimana per Elon e Co. e per la loro nuova app X, che ora si affida molto di più alla moderazione della folla, tramite le Community Notes, per gestire le attività principali. Che, in base a un numero crescente di indagini, non è chiaramente in grado di gestire.

Ma questa, ovviamente, non è nemmeno la preoccupazione più grande, visto che questa settimana il commento di Elon stesso si è fatto carico del problema centrale dell’azienda.

Elon è stato a lungo ostile su questo fronte, dichiarando più volte che dirà ciò che vuole nell’app, anche se ciò significa perdere denaro.

E sembra che stia per scoprire quanto possa essere costoso il suo commento. Ricordiamo che le entrate pubblicitarie di X sono già diminuite di almeno il 50% rispetto all’anno scorso, quindi la perdita di un importante marchio partner sarà significativa in termini di sostenibilità dell’applicazione.

Perché anche se Musk ha tagliato i costi in modo significativo, riducendo l’80% del personale, chiudendo i centri dati, vendendo i manufatti a marchio Twitter e altro ancora. Anche tenendo conto di tutto questo, X è ancora al limite della redditività.

In una recente intervista, Yaccarino ha dichiarato che X potrebbe essere vicino a raggiungere un profitto all’inizio del 2024, anche se questa affermazione si basava sul fatto che il90% dei 100 principali inserzionisti dell’app erano tornati sulla piattaforma negli ultimi mesi.

Ora, molti di loro se ne stanno andando di nuovo. E con la grande dichiarazione di Apple che ha annunciato la sua decisione di bloccare gli annunci X, si prevede che molti altri grandi nomi seguiranno l’esempio.

Nel frattempo, l’app alternativa in tempo reale Threads di Meta continua a crescere e a diventare un luogo di discussione delle notizie, soprattutto tra i giornalisti, un gruppo che Musk continua a deridere, dissuadendoli attivamente dal rimanere attivi sulla sua piattaforma.

Questo potrebbe essere un altro elemento che continua a danneggiare gli sforzi di ripresa di X, con Musk che ha anche colto l’occasione per attaccare IBM per la sua decisione di bloccare le pubblicità di X, tra i suoi continui attacchi ai “media tradizionali”. La narrativa che Musk continua a portare avanti è che nessuno ha problemi con le sue affermazioni, ma che i media tradizionali, che sono in competizione con X per i dollari della pubblicità, si stanno mettendo d’accordo per fermarlo e distruggere la sua libertà di parola.

Il che semplicemente non è vero, è infondato e non è una teoria valida in alcun modo. Molti grandi marchi, come Apple, sono rimasti fedeli a X, nonostante le continue buffonate di Musk. Ma ora sono le sue dichiarazioni e prese di posizione ad averli allontanati.

Non si tratta di una narrazione mediatica, né di una cospirazione volta a nascondere la “vera verità”.

L’unica persona da incolpare per i problemi di X è Musk stesso.

Il che gli costerà denaro e, come già detto, Musk ha dichiarato di essere d’accordo. Ma con la riduzione del suo bacino di inserzionisti, questo potrebbe rapidamente diventare una minaccia esistenziale per l’app, se gli sforzi di Yaccarino e Co. per limitare i danni non riusciranno ad arginare la marea montante.

E questa volta sembra proprio una marea, molti la considerano la goccia che fa traboccare il vaso. Infatti, anche alcuni importanti investitori di Tesla hanno dichiarato che gli ultimi commenti di Musk sono un passo eccessivo e stanno consigliando ai loro clienti di abbandonare i suoi progetti.

Sarà una svolta importante per Musk e/o per X? Alimenterà l’ascesa di Threads come vero e proprio rivale di X?

In un certo senso, è già successo, mentre Musk, a suo modo testardo, sembra aver riconosciuto a malincuore che i suoi commenti possono aver causato un’offesa.

Non si è scusato, né ha fatto un passo indietro. Ma questo passo successivo è probabilmente l’unica via d’uscita da questo pasticcio in questa fase.

Musk è davvero in grado di farlo? Il suo ego gli permetterà di fare un passo avanti, ammettere di aver sbagliato e prendere provvedimenti per correggere la situazione?

E se lo farà, sarà sufficiente a far tornare i dollari della pubblicità?

In vista del periodo di maggiore spesa pubblicitaria dell’anno, le dichiarazioni di Musk sono orrende, da tutti i punti di vista.

Potrebbero essere l’inizio della fine di X?


Leggi di più su Social Media Today

Lascia un commento