fbpx
0

Alibaba

Come riporta l’agenzia Bloomberg, il colosso cinese dell’eCommerce Alibaba starebbe valutando la quotazione secondaria alla Borsa di Hong Kong attraverso un’operazione da 20 miliardi di dollari. I titoli della compagnia sono già scambiati a New York grazie all’Ipo dei record del 2014 che permise di raccogliere ben 25 miliardi. Alibaba è a lavoro con gli advisor finanziari all’offerta: il deposito del prospetto è ipotizzabile nella seconda metà del 2019.

alibaba

Huawei

Secondo TechRadar HongMeng (anche Ark),il nuovo sistema operativo firmato Huawei potrebbe arrivare per la fine dell’anno in Cina e nel resto del mondo nel 2020. Ieri si era diffusa la notizia che HongMeng fosse già pronto per giugno.

MacKenzie Bezos

MacKenzie Bezos, ex moglie del fondatore di Amazon, donerà in beneficenza metà del suo patrimonio. Dopo il divorzio da Jeff Bezos, la donna ha ricevuto il 4% delle azioni di Amazon, per un valore di circa 35 miliardi di dollari. Ora, ha aderito alla campagna The Giving Pledge, impegnandosi a donare almeno la metà della propria ricchezza.

Google

Google investirà 600 milioni di euro per costruire un nuovo centro di elaborazione dati in Finlandia. La struttura si aggiungerà al data center che la compagnia californiana ha già ad Hamina, città costiera nel Sud del Paese scandinavo, dove l’acqua del mare viene sfruttata per il raffreddamento.

Burnout

L’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto per la prima volta che il burnout, lo stress da lavoro, è una malattia. L’Oms ha definito il burnout “una sindrome concettualizzata come conseguenza di stress cronico sul posto di lavoro non gestito con successo”. Sono tre le caratteristiche individuate: “senso di esaurimento o debolezza energetica, aumento dell’isolamento dal proprio lavoro con sentimenti di negativismo o cinismo e ridotta efficacia professionale”.

Alibaba "vede" Hong Kong. Huawei: nuovo sistema operativo entro il 2019 7

Gli appuntamenti di oggi

NETCOMM FORUM – Oggi e domani al MiCo di Milano (gate 14, via Gattamelata 5) c’è il Netcomm Forum, evento dedicato all’eCommerce organizzato dal Consorzio Netcomm. Netcomm Forum è un’occasione di confronto per più di 15 mila imprese, con 3 conferenze plenarie e oltre 90 workshop di approfondimento sullo scenario digitale in continua evoluzione. Tra le novità, Netcomm China, un’area dedicata ai workshop per lo sviluppo dell’eCommerce verso il mercato cinese.

LinkedIn Italia. A Milano, Café Gorille (via Gaetano de Castillia 20) ospita alle 16 l’evento NetCafè: #sogniamoingrande con LinkedIn, con la partecipazione di Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn Italia.

Alibaba "vede" Hong Kong. Huawei: nuovo sistema operativo entro il 2019 8

Le notizie che forse ieri ti sei perso

L’interesse online sugli smartphone Huawei secondo una ricerca
Secondo l’analisi di idealo, le ricerche degli eConsumer relative sono andate giù in Italia del 64,8%, con cali generalizzati anche nel resto d’Europa

Il protagonista del nuovo (ed emozionante) spot di Gillette è un giovane trans
Gillette did it again. Il nuovo emozionante spot per la campagna #MyBestSelf

Come costruire una Brand Reputation positiva grazie a un formidabile Customer Care
Consigli e best practice per creare e mantenere le relazioni con i tuoi clienti online

Alibaba "vede" Hong Kong. Huawei: nuovo sistema operativo entro il 2019 9

Food delivery anche a lavoro: ecco cosa sceglie chi ordina il pranzo con i colleghi
Ordinare cibo a domicilio è diventato un fenomeno di massa e sul luogo di lavoro aumenta la coesione del team

Vuoi entrare nel Marketing Dream Team dei Ninja? Stiamo cercando te!
I Ninja cercano diverse figure per arricchire il proprio Marketing Team. Ti riconosci tra una di queste?

Round (e nuova acquisizione) per Uala, il portale dei trattamenti di bellezza
Nuovo aumento di capitale (guidato da Immmobiliare.it) per la società di Alessandro Bruzzi, che ha annunciato anche l’acquisizione della francese Balinea

Sorgente: Alibaba “vede” Hong Kong. Huawei: nuovo sistema operativo entro il 2019

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply