fbpx
0

Dopo mesi e mesi di lavoro, sembra che Whatsapp Pay sia davvero sul punto di essere lanciata.

I test sono stati condotti in India nel 2018 e i risultati sono stati incoraggianti. Per questo, Zuckerberg adesso è pronto a lanciare il progetto anche in altri parti del mondo.

Con Whatsapp Payments potrete inviare denaro in maniera semplice e rapida quanto inviare una foto. Sono davvero entusiasta e mi aspetto di implementarlo in diversi Paesi e fare molti progressi nel prossimi sei mesi.


Whatsapp Pay è basato su un sistema di pagamento realizzato dalla National Payments Corporation of India e consentirà sia di scambiare denaro fra gli utenti, sia soprattutto di effettuare acquisti negli e-commerce abilitati.

Per farlo, è sufficiente registrare la propria carta di credito direttamente in app.

Ancora in standby invece il lancio di Libra, dopo che la maggior parte dei più grandi investitori si sono ritirati dal progetto.

Facebook non sta navigando in acque tranquille. La speranza di Menlo Park per risollevarsi è adesso tutta nelle mani di Whatsapp Pay.


Leggi di più su: wearemarketers.net

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply