fbpx
0

 

Instagram è molto severo quando si tratta di condividere. Devi essere un poco creativo quando si tratta di condividere i post altruie la condivisione di link, se non nella vostra biografia, non è possibile. Cioè, a meno che non si condividano i link nelle proprie Storie. Ecco come diventare idonei a condividere i link nelle vostre Storie, e poi come farlo.

Come diventare idonei

C’è solo un modo per ottenere la possibilità di condividere i link. Prima di tutto, è necessario un account commerciale o un account creatore, poi sono necessari oltre 10.000 follower. Non posso aiutarvi ad ottenere i follower, ma passare da un account personale a un account aziendale o di un creatore è semplice.

Nell’app, toccate l’icona del menu sopra il vostro numero seguente sulla pagina del vostro profilo. Poi, toccate su Impostazioni in fondo al menu. Da lì, toccare Account e Passare a un account commerciale oppure Passare al Account del creatore. Leggere il popup sullo schermo e poi toccare Passare a. Ora siete pronti per l’azione di collegamento.

Come creare un link in Storie

come aggiungere un link a Instagram Stories

Una volta soddisfatti i requisiti, aggiungendo un link ad un Storia è facile. Iniziate una storia come fareste normalmente, poi toccate l’icona del link nella parte superiore dello schermo. Poi, toccate l’icona + e aggiungete il vostro link. Terminare toccando l’icona blu o Fatto a seconda del tipo di telefono che avete. Ora puoi pubblicare la tua storia.

Si può notare che nella schermata di collegamento, c’è un’opzione per consentire a un partner commerciale di promuovere. Non tutti avranno questa opzione. In pratica è solo un’etichetta che viene aggiunta a un post…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply