Il social mette al bando gli annunci che attirano l’attenzione degli utenti citando una fantomatica cura per la malattia o alimentando un clima di tensione

di
Caterina Varpi

26 febbraio 2020

facebook.jpg
  • Save

I social network si mobilitano per arginare la disinformazione e la pubblicità ingannevole legata al tema del Coronavirus.

Facebook, che nei mesi scorsi si era mosso per la rimozione di informazioni false su questo argomento, ora mette al bando le pubblicità che attirano l’attenzione degli utenti citando una fantomatica cura per la malattia o alimentando un clima di tensione.

Le limitazioni coinvolgono anche il Marketplace.

Membro della Internet Defense League

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link