fbpx
0

Mark Zuckerberg

Dopo aver annullato il suo Global Marketing Summit, atteso a marzo a San Francisco, Facebook ha annunciato di aver cancellato un altro suo importante evento, probabilmente il suo principale appuntamento annuale: F8, la conferenza dedicata agli sviluppatori. Un’occasione durante la quale ogni anno il social fa il punto sulle sue novità in termini di prodotti e servizi non solo con i developer ma anche con brand ed editori, e in cui Zuckerberg annuncia le priorità strategiche della società per l’anno a venire.

Quest’anno F8, a calendario il 5 e 6 maggio, non si farà, a causa dei timori per l’emergenza Coronavirus. Ad annunciarlo è stata la stessa Facebook in un blog post firmato da Konstantinos Papamiltiadis, director of platform partnerships di Facebook.

“È stata una decisione difficile da prendere. F8 è un evento incredibilmente importante per Facebook, ed è uno dei nostri modi preferiti per festeggiare ciascuno di voi in tutto il mondo – scrive Papamiltiadis -. Ma abbiamo bisogno di dare priorità alla salute e alla sicurezza dei nostri sviluppatori partner, dipendenti e tutti quelli che contribuiscono a mettere in piedi F8. Abbiamo analizzato vari possibili modi per mantenere la parte “di persona” di F8, ma è importante per noi realizzare un evento inclusivo e non ci sembrava giusto avere un F8 senza la partecipazione dei nostri sviluppatori internazionali”.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply