fbpx
0

Chi ha detto che realtà e fantasia non possano coesistere? Il confine fra questi due mondi, infatti, è svanito con Re-imagined with Samsung Galaxy Note, l’installazione site specific ideata dall’agenzia M&C SAATCHI che oggi è apparsa nel cuore della Milano, fra i grattacieli di Porta Nuova, negli spazi open-air del BAM – Biblioteca degli Alberi Milano.

Protagonista di questo progetto, la panchina pubblica, che per l’occasione è stata trasformata in un oggetto inaspettato, sorprendente e originale grazie a un disegno eseguito interamente su Galaxy Note, che con la sua caratteristica S Pen intelligente consente di giocare e fantasticare con la realtà, rimodellarla e reinterpretarla in mille nuove sfumature.

Al progetto hanno collaborato anche Gufram, che ha ideato tre delle quattro panchine, e IED Milano che ha organizzato un workshop fra gli studenti per selezionare l’idea creativa della quarta seduta, anch’essa prodotta da Gufram.

Sotto la direzione creativa di Charley Vezza, Gufram ha creato la Cloud Bench, la panchina dedicata ai più riflessivi e sormontata da un’enorme nuvola bianca, in cui è possibile rilassarsi e non temere di avere la testa fra le nuvole. Agli amanti della natura è stata dedicata la Nature Bench, che con le sue ampie foglie è in grado di trasportare in luoghi esotici senza mai lasciare la città.

Queste sono le prime due panchine che arredano gli spazi aperti di BAM fino al 6 febbraio. Dal 7 al 14 febbraio anche Love Bench, un omaggio a ‘due cuori e una… panchina’, e la Family Bench, il progetto ideato dalla studentessa dello IED Alessia Crova: cinque sedute con schienali scherzosi, colorati e iconici che, simulando una famiglia formato cartoon, diventano il luogo perfetto per due chiacchiere in famiglia.

“Ci siamo lasciati ispirare da Samsung Galaxy Note, uno smartphone super innovativo che nasconde un’anima creativa e offre alle persone la possibilità di ridisegnare il mondo. Noi lo abbiamo usato per migliorare un elemento familiare, ordinario e poco valorizzato come la panchina pubblica. Grazie a questo strumento, abbiamo immaginato delle sedute divertenti e poetiche, capaci di proteggere dal caldo durante l’estate e dalla pioggia nei mesi invernali. L’installazione di Milano è solo l’inizio: tenetevi pronti a nuove soprese!”, ha commentato Silvio Meazza, partner e co-fouder di M&C Saatchi.

Credit

Agenzia: M&C Saatchi

Executive Creative Director e Partner: Luca Scotto di Carlo e Vincenzo Gasbarro
Partner e Co-Founder: Silvio Meazza
Creative Director: Daniele Dionisi, Paolo Perrone
Art Director: Giulia Trimarchi
Copywriter: Stefania Sangiorgio
Strategy: Andrei Kaigorodov
Account Director: Alberto Pinto
Account Manager: Emanuela Perna
Casa di produzione: Utopia
Executive producer: Federico Fornasari
Producer: Lorenzo Alaimo
Production designer: Gufram
Creative director: Charley Vezza
Production manager: Axel Iberti
Cliente: Samsung
Head of IM Marketing: Paolo Bagnoli
IM Marketing Team: Sebastian Lee, Giulia Calciolari, Luca Amadori




Leggi di più su: youmark.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply