fbpx
0

Cake Star: pasticcerie in sfida“, lo show prodotto da Banijay Italia per Discovery Italia è arrivato alla terza edizione. Da oggi venerdì 24 gennaio in prima serata su Real Time ripartirà la sfida, ancora una volta con Damiano Carrara e Katia Follesa protagonisti sia come conduttori che come giudici della gara.

La nuova stagione della trasmissione, in onda ogni venerdì alle 21.10 per 12 episodi, vedrà sfidarsi le pasticcerie di diverse città italiane, tra cui Palermo, Livorno, Parma e Milano.

Ma, oltre ai nuovi concorrenti, da quest’anno ci sarà un’ulteriore novità: Cake Star, con la collaborazione della prima digital company italiana Web Stars Channel, sbarca sul social network del momento, TikTok. Per promuovere la nuova edizione del cooking show di Discovery Italia, infatti, alcuni dei principali tiktor italiani – tra cui Giulia Penna, Sabrina Cereseto (in arte LaSabri) e Stefano Lepri (St3pny) – hanno reinterpretato il video promo del programma sulla piattaforma: la sfida è quella di cantare mentre vengono disturbati da lanci di torte, pasticcini, glasse e topping vari.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply