fbpx
0

Creare un sistema che classifica le notizie e ne certifica l’affidabilità, che sia di supporto a tutti gli utenti – professionisti e non – del web e dei social media. E’ questo l’obiettivo di SocialTruth (www.socialtruth.eu), un progetto europeo multiculturale e multidisciplinare ideato e sviluppato da un consorzio internazionale di 11 partner guidati dall’ICCS di Atene, il cui motto è “Embedding veracity in social media and web”.

SocialTruth è stato sviluppato per combattere le notizie false applicando le più moderne e recenti tecnologie. L’originalità del progetto si basa sull’idea di creare un ecosistema aperto, democratico, pluralistico e distribuito che permetta un facile accesso a vari servizi di verifica e validazione, garantendo scalabilità e la costruzione della fiducia, in un ambiente completamente decentralizzato. L’elevata affidabilità è la caratteristica distintiva del sistema, alimentata dalla tecnologia block-chain, per il controllo della reputazione, che avviene cosi in modalità diffusa, ovvero senza intermediari o autorità centrali. Ciò per garantire una maggiore sicurezza e pluralità del processo di verifica.

Dopo un’analisi preliminare, che ha portato a stabilire i requisiti funzionali del sistema, l’architettura tecnologica e i requisiti etici, SocialTruth sta ora passando alla fase di implementazione del suo motore e si avvicina alla prima versione di test.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply