fbpx
0

Dalla Croazia una buona idea per riutilizzare il pack della carta igienica, mentre in Francia E.Leclerc lancia una campagna di brand centrata sulle azioni concrete che facilitano il consumo responsabile

È un’idea piccola, ma utile quella del nuovo packaging della carta igienica Violeta alla cui progettazione ha partecipato fin dall’inizio l’agenzia Saatchi&Saatchi Croatia.

Niente di molto diverso da ogni altra confezione tipica della categoria, solo che ha integrata la chiusura a stringhe classica dei sacchi per la spazzatura. Così anche una commodity che più di così non si può cerca di fare la propria parte per ridurre i quasi 79 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti da packaging non sostenibili o non progettati per esserlo.

Sacco e carta igienica, per altro, sono prodotti con materiali riciclati. Il marchio, poi, si è fatto quasi invisibile per lasciare tutto lo spazio al messaggio che cerca di far aumentare la consapevolezza dei consumatori.

Nella nuova campagna BETC, invece, l’insegna di supermercati E. Leclerc si è messa nei panni dei consumatori che fanno una fatica bestiale a essere responsabili.

Il film ne celebra gli sforzi, con un tocco di ironia anche per ribadire l’impegno dell’insegna nel rendere più semplice la riduzione dello spreco e più economicamente accessibile il consumo responsabile, bio e locale. La campagna è on air in Francia in TV, cinema e digitale accompagnata da attivazioni in-store e tutorial sui social media.


Leggi di più su: www.brand-news.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply