0


Una tempesta in un bicchier d’acqua. O qualcosa di simile. Dopo lo strappo dei giorni scorsi, Facebook ricuce col governo australiano ed è pronto a ripristinare la condivisione delle news “nei prossimi giorni“, come annuncia uno dei VP dell’azienda californiana, Campbell Brown.

“Dopo ulteriori discussioni con il governo australiano, abbiamo concordato una soluzione che ci permetterà di sostenere gli editori che noi scegliamo, inclusi quelli minori e locali”, ha Brown, aggiungendo che il governo di Canberra “ha chiarito che noi potremo mantenere la capacità di decidere quali notizie compaiono di Facebook, quindi non saremo automaticamente soggetti a negoziati obbligatori“.

Lo scontro

Per capire cosa è successo è necessario fare un piccolo passo indietro. Qualche giorno fa (ne avevamo scritto qui), fra Facebook e il governo australiano era scoppiato un caso internazionale. A causa di un disegno di legge che impone alle piattaforme nuove norme (e l’obbligo di pagamento) per la condivisione delle news, l’azienda di Zuckerberg era andata al muro contro muro, decidendo di stoppare la condivisione di link per tutti gli utenti australiani. Una decisione fulminea, che aveva spiazzato tutti.

“La proposta di legge australiana – avevano scritto da Facebook in un post ufficiale – fondamentalmente fraintende la relazione tra la nostra piattaforma e gli editori che la utilizzano per condividere contenuti di notizie. Ci ha lasciato di fronte a una scelta netta: tentare di rispettare una…


Leggi di più su: it.mashable.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link