fbpx
0

Le aziende italiane, in particolar modo quelle del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, insieme a quelle delle Lombardia e dell’Emilia Romagna, stanno affrontando un periodo di grande difficoltà a causa della diffusione del Covid-19 e dei relativi e necessari decreti ministeriali attuati per contenere il contagio.

Il Gruppo Company, con le sue 6 emittenti e le sue agenzie di comunicazione, desidera mettere a disposizione, in forma gratuita, la propria forza comunicativa per promuovere una raccolti fondi a sostegno delle strutture sanitarie del Veneto del Friuli e per offrire un reale supporto alla ripresa delle attività produttive del territorio, spiega l’azienda in un comunicato.

“In questa prima fase aiuteremo le aziende che hanno la possibilità di vendere i loro prodotti nelle uniche superfici commerciali al momento aperte al pubblico: supermercati, farmacie, parafarmacie e tutti gli e-commerce. In questi punti vendita la merce è molta, tuttavia non sempre sappiamo individuare quella realmente prodotta dalle aziende che vivono il nostro tessuto socio-economico, che è proprio quello che noi vorremmo sostenere” dichiara Anacleto Comin, Presidente del Gruppo Company. “Questa iniziativa vuole smuovere la coscienza di tutti noi nel momento di una qualsiasi scelta d’acquisto. Vorremmo che, quando si sta per scegliere un prodotto o un servizio di una delle categorie presenti su questo sito, la scelta ricada sui prodotti e servizi delle aziende del nostro territorio. A questo scopo invitiamo i nostri ascoltatori e amici a visitare questa vetrina digitale e a scaricare gratuitamente la nostra Guida agli acquisti”.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply