I dipendenti di Facebook in genere evitano di criticare pubblicamente l’azienda, ma le tensioni all’interno dell’azienda intorno alla responsabilità del sito hanno raggiunto il punto di ebollizione.

In una mossa insolita, molti dipendenti hanno preso a Twitter per criticare pubblicamente il modo in cui Facebook gestisce i dibattiti intorno al discorso dell’odio, alla libertà di espressione e alla responsabilità morale delle piattaforme per moderare i contenuti che vi compaiono.

I lavoratori sono stati incensurati dalla decisione di Zuckerberg di non segnalare un commento di Trump sulle proteste in Minnesota che dichiarava “quando iniziano i saccheggi, iniziano le sparatorie”, una frase infame usata negli anni ’60 dal capo della polizia di Miami per giustificare la violenza contro i manifestanti e successivamente pronunciata dal politico segregazionista George Wallace.

Twitter ha detto che il tweet “ha glorificato la violenza” e l’ha nascosto dietro un avvertimentoZuckerberg ha detto La dichiarazione di Trump rimarrebbe.

Lunedì pomeriggio, alcuni dipendenti di Facebook hanno oscurato le foto del loro profilo su Twitter, o…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link