0


Diversi importanti servizi di streaming musicale, tra cui Spotify, Apple Music, Amazon Music e YouTube hanno “messo in pausa” la loro musica per una giornata di silenzio martedì 2 giugno, a sostegno del movimento Black Lives Matter.

Il sito servizi di streaming si è unito a Blackout TuesdayUna campagna sostenuta dalle maggiori case discografiche per far tacere le voci dei neri e dare loro la possibilità di parlare nell’ambito delle proteste contro la morte di George Floyd. Floyd è stato ucciso per mano di agenti di polizia durante un incontro a Minneapolis la scorsa settimana. La sua morte ha scatenato proteste e disordini a livello nazionale.

In una dichiarazione rilasciata Lunedì, Spotify ha detto che il martedì del blackout doveva essere “un giorno di disconnessione collettiva… per aiutare le persone a riflettere e a riunirsi a sostegno della comunità nera”.

Il servizio di streaming ha detto che le playlist speciali e podcast dedicato a Black Lives Matter sarà caratterizzato da un brano di 8 minuti e 46 secondi di silenzio, lo stesso tempo in cui Floyd è stato soffocato.

Spotify ha anche detto che smetteranno di pubblicare sui social media a sostegno del movimento. Musica Amazzonica e YouTube entrambi sono usciti a sostegno del movimento.

Anche Apple Music ha aderito, pubblicando un messaggio sulla sua app per gli utenti e indicando: “Useremo questa giornata per riflettere e pianificare azioni a sostegno degli artisti neri, dei creatori neri e delle comunità nere”.

Lunedì ViacomCBS ha trasmesso un video di 8 minuti e 46 secondi di blackout in un omaggio a George Floyd, Scadenza segnalata. Anche altri marchi ViacomCBS, tra cui Nickelodeon e MTV, si spegneranno.

Il movimento #BlackoutTuesday da allora si è diffuso oltre l’industria musicale, con…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link