C’è un subreddit, r/QanonCasualties, in cui le vittime del complottismo Qanon e i loro familiari possono sfogare in anonimato la propria sofferenza.

“Fa male vedere i propri genitori, le persone che ti hanno cresciuto e a cui tu hai guardato come esempio, cedere all’odio così facilmente. Dio quanto fa maledettamente male e non posso farci niente. Non cambierebbe le cose nemmeno cercare di spiegarglielo”, scrive un utente americano in un post intitolato “È dura vedere i tuoi eroi cadere”. Dice di condividere la stessa croce con la ragazza: “Ha lo stesso problema con la sua famiglia”.

Come lui, migliaia di persone in America si ritrovano a fare i conti con dei familiari caduti nella trappola di realtà alternative, trame per il dominio nel mondo e misteriose verità dei Qanon. Una setta, per alcuni, un brand di vendita di gadget per altri che si è diffuso a dismisura a partire da un primo post su 4chan anni fa in cui un tale Q millantava conoscenze dei meccanismi segreti del governo (ora la discussione è migrata su 8kun, ex 8chan).

Adesivi sulla macchina di famiglia. Credit: CAITLIN O’HARA/GETTY IMAGES.

Nei suoi post (o in quelli che gli vengono attribuiti) Q parla con un linguaggio esoterico di sette sataniche, traffici di bambini e altre fantasticherie che si rivelano puntualmente false ma a cui i suoi adepti credono sempre, pronti a decifrare i messaggi criptici (detti in gergo ‘Q drops‘) della rete e convinti che Donald Trump sia una sorta di messia venuto a contrastare queste nefandezze.

“Mio fratello e mio padre sono fissati con Qanon e si arrampicano sugli specchi in ragionamenti assurdi”, scrive un altro utente, presentando la cronologia di quello che ha finito per ascoltare negli ultimi novanta giorni: “Dopo il 3 novembre (data delle elezioni americane, ndr) la situazione è peggiorata. (…) Non hanno alcun senso della realtà. (…) Do delle spiegazioni razionali (per ogni teoria, ndr) e loro le rifiutano e mi dicono ‘tu aspetta’. Ma che…


Leggi di più su: it.mashable.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link