fbpx
0

Gli investimenti pubblicitari delle aziende caleranno quest’anno a doppia cifra a a causa della crisi scatenata dalla pandemia del Covid-19. A dirlo è GroupM nel suo tradizionale rapporto predittivo semestrale.

Dopo aver chiuso il 2019 con un amento della spesa del 6,2%, la pubblicità registrerà a fine anno una diminuzione dell’11,9%, una previsione che non tiene conto dell’advertising legato alle elezioni presidenziali statunitensi di novembre (in questo caso la diminuzione sarebbe del 9,9%).

Il balzo in avanti ci sarà poi nel 2021, anno stimato da GroupM in crescita dell’8,2% (la crescita diventa del 5,9% se il confronto è con un 2020 con le presidenziali americane) con la metà dei primi dieci mercati in aumento a doppia cifra e l’altra ad una cifra.




Leggi di più su: www.engage.it

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply