fbpx
0

Shadow Ban e Blocchi Temporanei di Instagram, come uscirne? 3COS’È LO SHADOW BAN?

Lo Shadow Ban è considerata la più “carogna” tra le penalizzazioni di Instagram. Se qualche tuo post è stato colpito dallo Shadow Ban non ti renderai conto di nulla se non di un estremo calo dell’engagement. In questi casi le immagini pubblicate che non rispettano alcuni requisiti, non saranno più visibili agli utenti che non seguono il profilo del post colpito da Shadow Ban. I post “danneggiati” non appariranno nelle sezioni dei relativi hashtags che lo accompagnano diventando quindi dei veri e propri “fantasmi” e ricevendo pochissime interazioni.

QUALI POST SONO COLPITI DA SHADOW BAN?

Lo Shadow Ban è facile da “contrarre” soprattutto se non si rispettano i requisiti dettati dal regolamento di Instagram e legati all’applicazione degli hashtag al post. I post colpiti da questa penalizzazione sono quelli che utilizzano:

  • Hashtag Bannati: indesiderati da Instagram;
  • Hashtag Spam: troppo generici e con milioni di utilizzi;
  • Hashtag Duplicati: lo stesso hashtag utilizzato più volte nello stesso post;
  • Hashtag Uguali in post differenti.

COME USCIRE DALLO SHADOW BAN?

Sul web esistono delle soluzioni non certificate che ti permetteranno di far uscire i post che pubblicherai dallo Shadow Ban. Considerato però che Instagram è in continuo aggiornamento e che ormai da mesi il suo intento è quello di restringere il suo utilizzo attraverso dei limiti mensili, non è detto che queste strategie risultino risolutive.

Una soluzione tra quelle più efficaci è la seguente:

COS’È IL BLOCCO TEMPORANEO?

Il Blocco Temporaneo piò riguardare una o più azioni di Instagram. Questa penalizzazione è sempre accompagnata dal messaggio sull’applicazione: “Azione bloccata su Instagram” quando hai appena cercato di interagire con un post e quando hai appena provato a seguire un nuovo profilo. Solitamente non viene bloccato l’intero accesso al profilo, ma solo alcune azioni specifiche tra le quali il Follow, l’Unfollow, i Like e i Commenti.

QUAL’È IL MOTIVO DEL BLOCCO TEMPORANEO?

Instagram ha imposto dei limiti sia mensili in termini di follow/unfollow (massimo 6000 azioni al mese) sia orari per ogni altro tipo di interazione (60 like orari – 60 commenti orari – 60 follow orari). Limiti che bisogna rispettare per non incorrere in uno dei blocchi temporanei. Superare il limiti imposti da Instagram significa esporsi al rischio di sospensione dell’account. Il Blocco Temporaneo difatti è una prima ammonizione atta a sospendere per 24 ore l’azione incriminata.

COME EVITARE BLOCCHI TEMPORANEI?

Evitare Blocchi Temporanei è semplice. Il primo suggerimento da seguire è interagire sempre e unicamente da un solo dispositivo perché Instagram sospetta delle interazioni che partono dallo stesso profilo ma da IP differenti nello stesso periodo temporale.

Un’altra cosa da fare è diminuire il numero di operazioni orarie su likes e commenti. Sebbene i limiti orari sono di 60 operazioni sarebbe meglio attenersi ai 40/50 likes in un’ora e 40/50 commenti in un’ora.

Continua su: Shadow Ban e Blocchi Temporanei di Instagram, come uscirne? – IgersItalia

Dario

Dario

Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert e modello. Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

Leave a Reply