0


  • Il mondo sta cominciando a riaprire dopo il Coronavirus, ma il turismo fatica a ripartire anche a causa delle incertezze che circondano il futuro, e gli operatori del settore soffrono
  • I nuovi “trend” post-pandemia vedono affermarsi turismo di prossimità, travel bubbles, interesse per luoghi meno noti e passaporti sanitari
  • Cosa possono fare gli operatori per sopravvivere e avere successo? Serve un cambiamento di tutto il settore secondo alcune parole chiave ben definite

 

Molti sono i settori sui quali l’impatto del Coronavirus lascerà il segno per un po’, ma è difficile menzionarne uno più colpito di quello turistico.

Non esiste smartworking per chi si occupa di far viaggiare le persone, non quando tutti i confini sono chiusi, i voli sono cancellati e i clienti non si possono muovere da casa.

E purtroppo non esiste neanche una facile ripresa per chi è impegnato nel turismo. Mentre i negozi riaprono e le fabbriche tornano a scaldare i motori, gli aerei a terra sono ancora tanti (riprendono timidamente il volo proprio in questi giorni). E ancora di più lo sono i viaggiatori, che vi restano per paura di quello che è successo o potrebbe succedere.

Cosa possono comportarsi quindi gli operatori del turismo in questa situazione? Come guardare al futuro…

ABBONATI SUBITO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Con Ninja PRO Information
sei un passo avanti, ogni giorno

Ai veri professionisti servono i Superpoteri: la migliore
Informazione con la massima praticità.

Abbonati oggi e avrai:

La Ninja Morning Pro in mail

Il formato audio delle news

Nessun banner, solo contenuti

Tutti gli Articoli PRO del magazine




Leggi di più su: www.ninjamarketing.it

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Copy link