Facebook sta seguendo l’esempio di YouTube nel permettere ai creatori di contenuti di rivendicare i diritti sui loro contenuti quando vengono condivisi da altre Pagine, con nuovi aggiornamenti ai suoi strumenti di Brand Safety e di Proprietà Intellettuale.

Prima di tutto, sulla sicurezza del marchio – Facebook ha annunciato un’espansione dei suoi processi che consentirà ai titolari dei diritti dei contenuti di guadagnare entrate dai loro contenuti su Facebook, anche quando sono pubblicati da un’altra pagina.

Come spiegato da Facebook:

“Ora attraverso Rights Manager, i proprietari di diritti d’autore possono scegliere di rivendicare e raccogliere guadagni pubblicitari su contenuti protetti da copyright che sono pubblicati da pagine che soddisfano i nostri standard comunitari e le nostre politiche di monetizzazione dei partner, e il loro contenuto soddisfa le nostre politiche di monetizzazione dei contenuti.”

Per essere chiari, questo non riguarda le pagine che repostano direttamente il contenuto di qualcun altro, come tale. Al fine di soddisfare le regole di monetizzazione dei partner di Facebook, le Pagine possono solo monetizzare i contenuti che hanno creato o sono stati coinvolti nella creazione, o che presentano direttamente il creatore, editore o fornitore terzo.

Questo nuovo regolamento, quindi, è più un’espansione della capacità di un creatore di rivendicare diversi contenuti in cui sono stati essenzialmente coinvolti, quindi non è progettato, per esempio, per facilitare le richieste di reddito su qualsiasi video che presenta la loro musica, come tale. Anche se potrebbe portare a quel tipo di processo, che è diventato problematico per i creatori di YouTube.

“L’espansione di questa capacità dà alle pagine editoriali l’opportunità di utilizzare contenuti di proprietà di qualcun altro in un video che caricano senza che venga tolto, espandendo anche l’inventario per gli inserzionisti e fornendo alle persone contenuti interessanti che altrimenti potrebbero essere bloccati a causa di problemi di copyright.”

Così, Facebook sta guardando questo come un positivo – piuttosto che avere il tuo video rimosso quando il detentore dei diritti fa un reclamo, si può semplicemente lasciare che reclamino le entrate da esso. Il che potrebbe portare ad alcune sfide per i creatori, e spingere ad una maggiore cautela nel pubblicare sulla piattaforma.

Oltre a questo, Facebook sta anche lanciando nuovi aggiornamenti al suo Commerce & Ads IP Tool, che aiuterà le imprese a identificare i prodotti venduti su Facebook che violano il loro copyright intellettuale.

L’aggiunta principale è una nuova funzionalità di ricerca di immagini, che permetterà alle aziende di caricare un’immagine del loro prodotto/i per confrontarla con le inserzioni di Facebook.

Facebook IP image upload
  • Save

Come potete vedere in questo esempio, il nuovo processo evidenzierà gli annunci di prodotti che sembrano simili all’immagine caricata. Le aziende saranno quindi in grado di segnalare le violazioni di IP tramite lo strumento.

Facebook ha anche ampliato queste corrispondenze, in modo che ora, lo strumento mostrerà i risultati da Facebook e Instagram Shops, le inserzioni di Facebook Marketplace e i post di Instagram con i tag dei prodotti.

Poiché Facebook espande le sue opzioni di eCommerce, questa è una considerazione importante. La scorsa settimana, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato che Facebook ora ospita oltre un milione di negozi attivi, mentre 250 milioni di persone stanno utilizzando i suoi strumenti di shopping ogni mese. Dato questo, ha senso per Facebook fornire una maggiore protezione per i titolari di IP, mentre gli strumenti aggiuntivi di abbinamento dei contenuti aiuteranno anche Facebook a mantenere buoni rapporti con i creatori e i titolari dei diritti sul loro lavoro.

Ma come notato, potrebbe portare ad alcuni mal di testa, e a sfide illegittime, che potrebbero allungare le risorse di revisione di Facebook.

In sostanza, si tratta di un passo necessario, ma che si è dimostrato problematico su altre piattaforme, e probabilmente sperimenterà problemi di avviamento simili anche su Facebook.

Leggi di più su Social Media Today

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link