0


In vista dell’indagine della House Energy and Commerce Committee di questa settimana su come le piattaforme sociali stanno affrontando la disinformazione, Facebook ha fornito una panoramica dei suoi sforzi in evoluzione per proteggere meglio gli utenti e ridurre la distribuzione di notizie false sulle sue piattaforme.

Le fake news sono diventate un punto chiave durante l’amministrazione Trump, con l’ex presidente che ha regolarmente deriso la maggior parte dei reportage dei media mainstream come falsi. Ma poiché le piattaforme social sono diventate fonti di informazione essenziali per sempre più persone, Facebook, e altri, hanno investito più pesantemente nell’affrontare tali sforzi, che Facebook dice di aver visto una riduzione significativa delle notizie false che guadagnano trazione sulla sua rete.

Ma questo lavoro è sempre in corso – come spiegato da Facebook:

“È allettante pensare alla disinformazione come una singola sfida che può essere risolta con una singola soluzione. Ma purtroppo non è così. Pensandola in questo modo si perde anche l’opportunità di affrontarla in modo completo. Affrontare la disinformazione in realtà richiede di affrontare diverse sfide tra cui gli account falsi, il comportamento ingannevole e i contenuti fuorvianti e dannosi”

Su questo fronte, Facebook dice che:

  • Ha disattivato più di 1,3 miliardi di account falsi tra ottobre e dicembre del 2020
  • Ha rimosso oltre 100 reti di comportamento inautentico coordinato (CIB) – organizzazioni che cercano di utilizzare Facebook per manipolare e ingannare al fine di guidare gli utenti verso un risultato politicamente motivato
  • Ha costruito team per affrontare gli incentivi finanziari dietro la disinformazione, affrontando una motivazione chiave per tali sforzi
  • Ora ha oltre 35.000 persone che lavorano per affrontare la disinformazione, mentre ha anche fatto progressi significativi nel rilevamento dell’IA

Facebook ha anche fornito una panoramica completa dei suoi sforzi, dettagliando ciascuno dei suoi progressi per proteggere meglio gli utenti.

Facebook misinformation efforts
  • Save

Dati i continui rapporti sul flusso di disinformazione su Facebook, può sembrare che il problema stia peggiorando nel tempo, ma Facebook sta facendo sforzi significativi per combattere vari tipi di sforzi di manipolazione.

Un esempio chiave è la spinta alla vaccinazione COVID-19:

“Dall’inizio della pandemia, abbiamo usato i nostri sistemi di intelligenza artificiale per abbattere il materiale relativo al COVID-19 che gli esperti di salute globale hanno segnalato come disinformazione e poi rilevare le copie quando qualcuno cerca di condividerle. Come risultato, abbiamo rimosso più di 12 milioni di contenuti su COVID-19 e sui vaccini” Eppure, anche così, c’è un sacco di disinformazione sul COVID-19 ancora su Facebook. L’anno scorso, una ricerca ha suggerito che la piattaforma ha facilitato la diffusione di una vasta gamma di disinformazione sanitaria – e probabilmente ha contribuito al numero di morti per COVID-19 come risultato. Facebook ha aumentato la sua applicazione da allora, ma la capacità di raggiungere miliardi di persone, e di amplificare tale messaggistica, lo rende particolarmente pericoloso per questo tipo di campagne.

Quella scala pone una serie di sfide in questo senso – Facebook sta ora operando una piattaforma di 2,8 miliardi di persone interconnesse, che è più grande di qualsiasi altra azienda ha dovuto gestire, ponendo molte sfide uniche per quanto riguarda il monitoraggio delle informazioni, le tendenze di monitoraggio, e facilitare, o limitare, il flusso di informazioni

Questo non è per lasciare Facebook fuori dai guai – ha le risorse per migliorare i suoi sforzi come risultato di quell’uso. Ma ancora, vale la pena ricordare che nessuno ha mai affrontato questi problemi su tale scala prima, e Facebook sta ancora sviluppando i suoi sistemi in linea con questo.

Ma Facebook cerca di chiarire una nota chiave su questo fronte:

“Nonostante tutti questi sforzi, ci sono alcuni che credono che abbiamo un interesse finanziario nel chiudere un occhio sulla disinformazione. È vero il contrario. Abbiamo tutte le motivazioni per tenere la disinformazione fuori dalle nostre app e abbiamo fatto molti passi per farlo a spese della crescita e dell’impegno degli utenti”

Facebook dice che agirà di conseguenza, potenzialmente riducendo l’impegno per il bene maggiore in questo senso. Se questo sia vero, o quanto sia vero, è difficile da dire – ma chiaramente, Facebook sta evolvendo i suoi sforzi su questo fronte, e sta lavorando per combattere le campagne di disinformazione, in vari modi, sulla sua piattaforma/e.

Rimane un distributore chiave di vari movimenti riguardanti, non solo la disinformazione, ma Facebook sta lavorando per affrontarli, e dopo i disordini di Capitol all’inizio di quest’anno, sembra anche destinato a diventare più proattivo nell’affrontare tali tendenze prima che mettano radici, il che potrebbe vedere risultati migliori andando avanti.

L’indagine della House Energy and Commerce Committee potrebbe finire per richiedere un maggiore sforzo su questo fronte in entrambi i casi, ma è interessante notare ciò che Facebook sta già facendo, e le sfide che deve affrontare, come la distribuzione dei media si evolve, e i social media diventano più influenti nel tempo.

Potete leggere l’elenco completo degli sforzi di Facebook per combattere la disinformazione, la polarizzazione e le organizzazioni pericolose qui

.

Leggi di più su Social Media Today

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link