0


Facebook ha lanciato una nuova azione legale, in collaborazione con Gucci, riguardo la vendita di merci contraffatte sulle sue piattaforme, che è un passo importante nel suo business eCommerce in evoluzione.

Come spiegato da Facebook:

“Facebook, Inc. e Gucci America, Inc. hanno citato un individuo presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti, Distretto Nord della California, per violazione dei Termini di Facebook e Instagram e violazione dei diritti di proprietà intellettuale di Gucci. In particolare, l’imputato ha utilizzato più account Facebook e Instagram per eludere gli sforzi di applicazione di Facebook e continuare a promuovere la vendita di prodotti Gucci contraffatti”

Facebook osserva che i suoi termini sia su Facebook che su Instagram vietano rigorosamente la violazione della proprietà intellettuale, compresa la vendita o la promozione di prodotti contraffatti.

“Coerentemente con questi termini, Facebook e Instagram hanno implementato solide misure di protezione della proprietà intellettuale, tra cui un programma globale di notifica e rimozione, una solida politica di violazione ripetuta e misure aggiuntive”

Questa è la prima volta che Facebook ha collaborato in un contenzioso, ed è l’ultimo dei suoi sforzi ampliati di applicazione legale per affrontare l’abuso e la criminalità in-app.

La causa riflette anche la crescente attenzione di Facebook sul commercio elettronico, e la garanzia di stabilire parametri chiari per fare affari sulle sue piattaforme. Lungo linee simili, Facebook ha anche recentemente lanciato un nuovo aggiornamento del suo Commerce & Ads IP Tool, che consente alle aziende di caricare un’immagine del loro prodotto/i per il confronto con i contenuti di Facebook e Instagram, al fine di individuare le inserzioni contraffatte.

Facebook product matching tool
  • Save

Ciò fornisce più modi per i marchi di proteggere la loro IP sulla piattaforma, e questa nuova azione legale congiunta aiuterà idealmente Facebook a stabilire un chiaro precedente legale per la punizione di simili abusi della piattaforma.

Data la spinta più ampia di Facebook per incoraggiare lo shopping sulla piattaforma, questo è un passo importante, che idealmente fornirà una maggiore garanzia sia alle aziende che agli acquirenti per quanto riguarda la legittimità dei prodotti venduti sulla piattaforma.

Questo sarà particolarmente prezioso su Instagram, dove l’attenzione sarà in gran parte sulla moda, ma in tutti i contesti, questa azione legale aiuterà Facebook a stabilire parametri legali più chiari su ciò che è accettabile sulla piattaforma, e come farà a farli rispettare in futuro.

Potete leggere di più sugli sforzi di applicazione legale di Facebook qui.

Leggi di più su Social Media Today

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link