0


Search Central Live Fireside Chat

Qualcuno ha fatto una domanda sull’impatto che il Core Web Vitals avrà sulle classifiche e all’inizio nessuno ha risposto, ma Danny è intervenuto e ha spiegato cosa aspettarsi.

Le domande:

“Ci aspettiamo che l’impatto sulle metriche sia significativo o più sottile?”

Martin Splitt ha risposto che non lo sapeva.

Poi ha continuato a leggere:

“Come vi aspettate che sia l’impatto del Page Experience Update?”

Martin Splitt ha rotto il silenzio tirando fuori la carta del “dipende” che ha spinto Ashley Berman Hale a dire che sperava che potessero passare la sessione senza questo. Danny Sullivan ha poi risposto in un modo che ha rassicurato gli editori e la comunità SEO di non aspettarsi un cambiamento dirompente.

Danny:

“Penso che se si va indietro e si guarda a come abbiamo avuto questo tipo di cose sopra non è davvero così ok, poi il giorno dopo tutto cambia completamente. Non c’è l’intenzione di provare a farlo, anche se potremmo dire che cominciamo ad usare questo come fattore”

Danny ha poi spiegato perché il nuovo fattore di ranking non causerà problemi significativi, dicendo che è solo un fattore di ranking tra i tanti e che l’obiettivo di classificare siti rilevanti è l’obiettivo dell’algoritmo di ranking.

Danny ha spiegato che:

“Prima di tutto, rimane una delle tante cose. In secondo luogo, resta il fatto che cercheremo di restituire il miglior contenuto in base a questo paniere di elementi. Quindi, forse non hai la migliore esperienza di pagina… Ma se hai ancora il contenuto più rilevante, questo sta andando, sai, nel complesso su varie cose che stiamo guardando. Penso che non sia il caso di iniziare ad essere super preoccupati. E capire che vogliamo assicurarci che questo arrivi in modo moderato.. Ma nel corso del tempo ciò che accadrà è, dato che sempre più contenuti stanno arrivando nell’esperienza della pagina e se si è in una situazione in cui le cose sono tutte relativamente uguali, le cose che sono più orientate all’esperienza della pagina probabilmente inizieranno a permormare meglio. Quindi non è… non credo che ci si debba spaventare, ma prestarvi attenzione, capire che è una cosa nuova che dovete tenere a mente. Ecco perché lo stiamo evidenziando”

Il punto generale che Danny sembra fare è quello di prestare attenzione a Core Web Vitals, ma non aspettatevi un grande impatto nei risultati di ricerca.

Danny Sullivan su Twitter

Più tardi è stata posta una domanda su Twitter. Paul Shapiro (@fighto) ha twittato :

“@searchliaison ha detto che qualcosa sulla falsariga del fatto che l’aggiornamento dell’esperienza della pagina avrà un impatto più morbido inizialmente, e poi nel tempo crescerà nel suo impatto sulle classifiche? Ho bisogno di rivedere la registrazione una volta che andrà live”

Danny Sullivan (@dannysullivan) ha risposto in un tweet:

“Ho detto che non dovrebbe essere il caso che durante la notte, giriamo un qualche tipo di interruttore e c’è un cambiamento massiccio. Questo non è tipicamente il modo in cui i rollout di questa natura (come la velocità, mobile-friendly) hanno funzionato. E anche che le cose tendono ad essere relative…”

Seguito da:

“Considera che quando è iniziato il mobile-friendliness, un sacco di pagine avevano ancora bisogno di diventare così. Quindi, mentre era un fattore, usarlo più pesantemente come fattore inizialmente non ha molto senso. Ma col tempo, (come ogni fattore) potrebbe diventare più prezioso…”

Poi ha aggiunto:

Reazione della comunità di ricerca all’aggiornamento della Page Experience

Michael Martinez (@seo_theorist) ha commentato in un gruppo SEO di Facebook:

“Core Web Vitals non è un requisito per migliorare il ranking. Non influenzerà quello della maggior parte dei siti. Non si tratta di questo. La comunità di blogger SEO ha sopravvalutato questa transizione”

Leggendo varie discussioni sui social media, sembra che la comunità SEO sia equamente divisa sulla questione. Alcune persone dicono che la stanno prendendo molto sul serio, mentre l’altra parte minimizza l’aspetto di fattore di ranking di Core Web Vitals e incoraggia gli editori a fare del loro meglio e niente di più.

Ci sono anche alcuni nella comunità che ipotizzano che Google stia imponendo Core Web Vitals agli editori per beneficiare Google stesso. L’affermazione è che Google ha dati che mostrano che fa più soldi quando gli utenti sono in grado di tornare rapidamente da un sito web a Google.

Indipendentemente da quali siano le motivazioni di Google per imporre Core Web Vitals all’intera Internet, Danny Sullivan ha detto di non aspettarsi che l’aggiornamento della Page Experience causi massicci cambiamenti nel ranking.

Pensiamo che la risposta umoristica di Barry Schwartz riassuma bene le cose:

Screenshot of Barry Schwartz responding to Google on Twitter
  • Save

 

Leggi di più su Search Engine Journal

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link